Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Allegri: «Comunque vada a giugno lascio il Milan»

Il tecnico del Milan: «Voglio finire il quadriennio nel migliore dei modi, vediamo cosa succede, ma dentro di me non cambierà la mia decisione»twitta

domenica 5 gennaio 2014

CARNAGO (VARESE) - È irrevocabile la decisione di Massimiliano Allegri di lasciare il Milan a fine stagione. "Voglio finire il quadriennio al Milan nel migliore dei modi, vediamo cosa succede, ma dentro di me non cambierà la mia decisione - ha spiegato l'allenatore rossonero -. Sono stato molto chiaro anche perché era una decisione che avevo preso in estate e ho comunicato a Galliani prima di Natale. Siamo professionisti, giocatori e allenatori devono lavorare bene fino al termine del contratto".

SEEDORF - "Seedorf è un giocatore molto intelligente, che può avere le qualità per fare l'allenatore ma sono due mestieri diversi": così Massimiliano Allegri ha commentato la possibilità che sia l'olandese a succedergli sulla panchina del Milan nella prossima stagione. "La scelta dell'allenatore dipende dalla società, che non ha mai sbagliato in 28 anni. Sceglierà sicuramente un degno mio sostituto, in grado di allenare il Milan - ha spiegato Allegri - Come tutti gli allenatori, sarà giudicato per i risultati"


HONDA - "Honda ha personalità e, cosa più importante, ha grande entusiasmo e voglia di dimostrare le proprie qualità anche nel campionato italiano": così Massimiliano Allegri ha accolto il nuovo acquisto del Milan durante la conferenza stampa alla vigilia della partita con l'Atalanta, a cui partecipano oltre venti giornalisti giapponesi, pronti a coprire lo sbarco in Italia della stella nipponica. "Sono molto contento del suo arrivo - ha spiegato l'allenatore rossonero -. Honda è un ragazzo venuto al Milan con grande entusiasmo, ha voglia di giocare e questo è un bene per il Milan. Purtroppo non è a disposizione per la Champions League ma solo per campionato e coppa Italia".


Tutte le notizie di Milan

Approfondimenti

Commenti