Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Kalinic, riecco le sirene dalla Cina ma lui dice no
© Marco Canoniero

Kalinic, riecco le sirene dalla Cina ma lui dice no

Il croato, che già un anno fa era stato corteggiato a lungo dal Tianjin Quanjian allenato all'epoca da Fabio Cannavaro, piace a diversi club cinesi che, di fatto, sono pronti a mettere sul tavolo delle cifre importanti sia per lui sia per il suo cartellinotwitta

mercoledì 3 gennaio 2018

MILANO - La Cina torna a bussare alla porta di Nikola Kalinic. Il croato, che già un anno fa era stato corteggiato a lungo dal Tianjin Quanjian allenato all'epoca da Fabio Cannavaro, piace a diversi club cinesi che, di fatto, sono pronti a mettere sul tavolo delle cifre importanti sia per lui sia per il suo cartellino. Ma la volontà del giocatore è quella di rimanere al Milan. In estate ha fatto di tutto per lasciare la Fiorentina e vestirsi di rossonero e le tentazioni milionarie che arrivano dalla Cina non sembrano generare in lui grande emozione. Kalinic sa bene di essere in debito con il Milan e nella seconda parte di stagione vorrà dimostrare, coi gol, che Fassone e Mirabelli hanno fatto bene ad investire su di lui. Con la Cina sullo sfondo.

GOMEZ-BOCA - Il Boca Juniors fa sul serio per Gustavo Gomez. Il difensore paraguaiano, arrivato al Milan nell’estate del 2016 per 8 milioni di euro dal Lanus, è finito ai margini delle scelte di Rino Gattuso e potrebbe lasciare il club rossonero per andare a giocare visto che, da quando è sbarcato a Milano, ha visto il campo solo in 20 occasioni. Tuttavia il Milan lo lascerà partire solo a fronte di un’offerta cash mentre il Boca, al momento, lo vorrebbe solamente in prestito senza l'inserimento di una parte economica. Le parti si aggiorneranno nei prossimi giorni per capire lo stato di fattibilità della trattativa.

Tags: KalinicMilan

Tutte le notizie di Milan

Approfondimenti

Commenti