Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Benitez, nuovo Napoli. Ma taglia Jorginho

L’ex veronese fuori dalla lista Uefa: «Mi servivano più difensori»twitta

martedì 4 febbraio 2014

NAPOLI - Chissà come l’avrà presa il presidente De Laurentiis . «Non l’ho ancora sentito», ha confessato Rafa Benitez a +N , nel corso della trasmissione “In casa Napoli” di cui è stato ospite ieri sera. L’assordante silenzio del patron è di chi non ha digerito la scoppola di Bergamo, un 3-0 secco che mette ancora più in discussione l’accesso in Champions. Dopo aver speso 100 milioni ed aver preso al tecnico spagnolo undici calciatori tra mercato estivo ed invernale, il presidente si sarebbe aspettato un rendimento crescente ed un distacco meno ampio (15 punti) dalla capolista Juve. «Ma con la Roma vedrete un altro Napoli, una squadra desiderosa di riscatto» ha spiegato, con l’intenzione di trasformare il ko in energia positiva. Domani sera si rivedrà il miglior Napoli, non quello di Bergamo mortificato in un turnover che Benitez definisce «gestione della rosa» e che giustifica così: «Non si possono utilizzare sempre gli stessi calciatori. A Higuain ho chiesto come si sentisse dopo la gara con la Lazio (il Pipita aveva rimediato un colpo alla schiena, nde) e lui mi ha confermato che sarebbe stato meglio se fosse rimasto inizialmente in panchina. Però, a conti fatti, quanti tiri in porta abbiamo subito dall’Atalanta oltre i tre gol? Uno, parato da Reina . La sconfitta di domenica è il frutto di una serie di errori individuali».



Leggi l'articolo completo su

Tutte le notizie di Napoli

Approfondimenti

Commenti