Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Ventura: «Derby o Europa? Toro, mi prendo tutti e due»

Il tecnico dei granata: «Vogliamo entrare stabilmente nell’elite del calcio italiano: il club lo merita. Vincere con la Juve o accedere all'Europa League? È come chiedere se è meglio essere belli o ricchi»twitta

martedì 4 febbraio 2014

VIAREGGIO - Non parlategli di obiettivo Europa. Perché più che di Toro “in” Europa, Giampiero Ventura preferisce parlare di Toro “da” Europa, cioè che per l’Europa possa lottare stabilmente ogni anno, al di là di quando la raggiungerà. «Il nostro obiettivo è crescere e creare una realtà che sia degna della storia del Torino - spiega prima di ricevere il premio Scirea all’inaugurazione della 66ª Viareggio Cup -. Una squadra che possa essere stabilmente nella elite del calcio italiano». Un progetto che passerà presto al vaglio di un esame importante: «La partita con il Bologna sarà un crocevia», dichiara il tecnico granata, che intanto è soddisfatto di come i suoi hanno affrontato la prova San Siro.

Ventura, analizzando a freddo la partita con il Milan ha tratto nuove indicazioni?
«L’aspetto fondamentale della partita di San Siro è che ci ha indicato la strada per migliorarci. Dopo un buonissimo primo tempo, in cui avremmo potuto segnare il secondo gol, nella ripresa abbiamo regalato troppi palloni in uscita, compreso quello su cui abbiamo subito il pareggio. Dobbiamo sapere che se vogliamo possiamo. Analisi più particolareggiate le riservo allo spogliatoio: qualcuno ha sofferto un po’ San Siro, ma è normale. Serve per crescere e questa squadra ne ha tanta voglia: chi è giovane come Maksimovic ma anche chi ha giocato in realtà importanti come Moretti. Per questo siamo dove siamo in classifica».

E il Milan di Seedorf?
«Una squadra con voglia di soffrire e di lottare, cose che sembrava avere un po’ perso: è un passo avanti notevole. Seedorf ha un grande carisma e questo lo aiuterà, anche se un po’ di pegno all’inesperienza probabilmente lo pagherà».

Torniamo al Toro e alla mentalità: Cerci ha compiuto una svolta definitiva o restano dei dubbi sotto questo aspetto?
«Credo che i dubbi siano ormai cancellati all’80%: altrimenti un esterno non fa 10 gol. Se le nostre punte hanno fatto più gol di quelle della Juve è evidente che è Alessio è maturato. E’ un giocatore da Champions, in Europa pochissimi esterni vedono la porta come lui».

Ma preferirebbe vincere il derby o andare in Europa?
«È come chiedere se è meglio essere belli o ricchi... Tutti e due. Anche se credo che il 95% dei tifosi del Toro forse preferirebbe vincere il derby allo Stadium».

Leggi l'articolo completo su

Tutte le notizie di Torino

Approfondimenti

Commenti