Torino

Cairo: «Scudetto? Niente illusioni, ma che cuore»
© LaPresse

Cairo: «Scudetto? Niente illusioni, ma che cuore»

Il presidente del Torino: «Siamo partiti con altri obiettivi, non creiamo illusioni e non voliamo troppo alti»twitta

lunedì 28 settembre 2015

TORINO - «Essere terzi in classifica dopo sei giornate è un grande risultato, che ci rende orgogliosi. Lo Scudetto? Siamo partiti con altri obiettivi, non creiamo illusioni e non voliamo troppo alti». Tieni i piedi per terra il presidente del Torino, Urbano Cairo. «Non è facile competere nello stesso campionato con società che possono contare su un fatturato di cinque o sei volte superiore al nostro - osserva il patron granata a Radio Anch'io Lo Sport, su Radio Rai Uno -. Dobbiamo continuare così, passo dopo passo».

CUORE GRANATA - Cairo esalta il cuore della sua squadra, che ieri ha battuto il Palermo in nove: «Si è visto il cuore Toro - sottolinea -, la squadra ha dato l'anima per difendere il 2-1, mettendo in campo il tremendismo granata dei tempi di Giagnoni». Carattere, ma anche cervello e tecnica, grazie ad una campagna acquisti attenta. «Il connubio con il nostro ds Petrachi e mister Ventura funziona. Abbiamo allestito una squadra con un giusto mix di esperienza e gioventù - dice - investendo su molti talenti nostrani. Ieri avevamo nove calciatori italiani all'inizio della partita, ragazzi dall'ottimo potenziale sui quali non dobbiamo mettere troppe pressioni». All'appello manca ancora Belotti, l'acquisto più costoso dei dieci anni di presidenza Cairo. «Diamogli il tempo di inserirsi - lo difende il presidente del Torino - ci darà grandissime soddisfazioni, basta solo avere la pazienza di aspettarlo».

 

Tags: Torinonotizie TorinoCairocalcio Torino

Tutte le notizie di Torino

Approfondimenti

Commenti