Torino

Torino, il Niang svalutato e pure col broncio: ma ti scuoti o no?
© www.imagephotoagency.it

Torino, il Niang svalutato e pure col broncio: ma ti scuoti o no?

Sinisa pare intenzionato a dargli un’altra chance. «Ma l’abbiamo preso perché sia protagonista. Edera? Vada avanti così, non si monti la testa» twitta

sabato 23 dicembre 2017

di Alessandro Baretti

TORINO - Dice davvero molto, la foto che riprende un gruppo di giocatori sorridenti dopo il successo sulla Roma che ha proiettato il Toro ai quarti di finale di Coppa Italia. Qual è, infatti, l’eccezione, l’errore, nel felice ritratto granata? L’espressione imbrociata di M’Baye Niang, il franco-senegalese che ha lasciato il Milan per ritrovare il buon umore, il piacere di giocare, nonché l’allenatore che forse più di altri lo apprezza. Già, quel Sinisa Mihajlovic al quale girano le scatole, per non aver ancora vinto la scommessa Niang, ma pure un tecnico che continua a credere nella prossima fioritura dell’attaccante. 

IL DUBBIO - «Contro la Spal potrebbe iniziare Niang, come pure Berenguer o Boyé - ha lasciato il dubbio Mihajlovic -. Di sicuro M’Baye a Roma, sotto il profilo dell’atteggiamento, ha fatto un passo avanti. Quando è stato preso, in estate, l’idea è che avrebbe dovuto essere protagonista, giocare, ma per quanto abbia imboccato la strada giusta deve dare ancora di più». Sembra proprio l’ex rossonero, comunque, l’indiziato principale per opporsi alla retroguardia spallina

Leggi l'articolo completo sull'edizione digitale di Tuttosport

Tutte le notizie di Torino

Approfondimenti

Commenti