Torino

Torino, gli errori della difesa ai raggi X di Mazzarri
© www.imagephotoagency.it

Torino, gli errori della difesa ai raggi X di Mazzarri

Il tecnico non si capacita delle incredibili “amnesie” di Veronatwitta

martedì 27 febbraio 2018

di Camillo Forte

TORINO - Occhio alla difesa. A partire da questo pomeriggio Walter Mazzarri continuerà a “martellare” sulla retroguardia. Dopo il solito discorsetto del dopo partita (nell’occasione sarà presumibilmente molto duro, come del resto è già successo negli spogliatoi del Bentegodi) il tecnico curerà la fase difensiva. Prima, però, tramite dei filmati selezionati, farà vedere ai diretti interessati tutti gli errori che hanno commesso. Il credo calcistico del nuovo tecnico, infatti, parte da una retroguardia blindata il più possibile. Sembrava avesse trovato la strada giusta ma le incertezze di Verona hanno dimostrato il contrario. Ma lui non si perde d’animo e tornerà dritto al problema: N’Koulou (che ha steccato la prima partita della stagione) e De Silvestri sono quelli hanno sbagliato di più. Con il contributo di Rincon (altro deludente ai massimi livelli) non hanno chiuso sui due gol di Valoti. Nel primo è stato l’ex Lione, nel secondo De Silvestri, con quasi tutti i compagni peraltro posizionati male. Situazioni diverse ma che alla fine hanno penalizzato il Toro. Ecco perché, a partire da oggi, Mazzarri tornerà, con più decisione di prima, a lavorare su chi sta davanti a Sirigu. Si vuole cancellare alla svelta la partita di Verona che aleggia sulla testa dei granata come un incubo. Il Crotone arriva nel momento giusto per provare a ripartire. E dopo ci saranno Roma (Olimpico) e Fiorentina (Grande Torino). Allora è meglio imparare in fretta per non sprofondare nell’anonimato più assoluto. Perché c’è anche questo rischio se i giocatori non si daranno una svegliata.

Tutte le notizie di Torino

Approfondimenti

Commenti