Torino

Cairo e la gente Toro in rivolta: «Chi paga fa quello che vuole...»
© www.imagephotoagency.it

Cairo e la gente Toro in rivolta: «Chi paga fa quello che vuole...»

Lungo summit del presidente col tecnico. «Vedremo chi merita il Toro. Ljajic? Non parlo dei singoli. L’Europa? Era un obiettivo di Mihajlovic...»twitta

lunedì 19 marzo 2018

di Marco Bonetto

TORINO - Quando Cairo esce dal ventre dello stadio, il suo volto smarrito è tutto un programma: la pioggia lo riga, ma il diluvio è dentro. E’ scosso, infreddolito, preoccupato, teso. Maschera a fatica il livore. E la paura che al peggio segua, nelle prossime settimane, un peggio ancor peggiore, se così si può dire. Sono le 19 e 45: la partita era già finita da quasi 3 ore. Ha poca voglia di parlare, ovviamente. La prima domanda è sulla contestazione, e la notizia è che ha investito anche lui, a ‘sto giro. Risponde Cairo, ma pare Tomba in slalom: «La gente viene allo stadio, paga il biglietto ed è giusto che faccia quello che vuole». Poi: «Poca voglia in campo? No, ho visto ragazzi determinati. Anche perché da qui alla fine con Mazzarri dovremo valutare la rosa in vista del prossimo anno, quindi chi avrà voglia di rimanere sarà motivato per dimostrare di essere meritevole della riconferma»: ma contiamo anche quanti non vedono l’ora di scappare dalle responsabilità e dal Toro? Quindi, su Ljajic, da mesi ai margini, ma autore dell’assist dell’1 a 1, una volta entrato: «Bene, bene, anche se ha giocato soltanto pochi minuti. Ma non mi piace parlare dei singoli, conta la squadra. E se una squadra funziona, i singoli si esaltano».

I TIFOSI CONTESTANO CAIRO

Un cronista, in stile Candido di Voltaire, gli chiede se l’Europa sia ancora raggiungibile. Cairo ci rimane di stucco: «Lasciamo perdere. Ora dobbiamo pensare a far bene partita dopo partita. L’Europa era un obiettivo di Mihajlovic: quando cambi l'allenatore cambiano anche gli obiettivi. Oggi non ha senso guardare all'Europa, con Mazzarri a gestire una rosa costruita per il suo predecessore». Aperta parentesi: quella risposta, «l’Europa era un obiettivo di Miha», ha poi sollevato moti di rabbia sul web. Per la serie: ma come? Allora a Cairo non interessava? Allora era il sosia di Cairo quello che parlava di Europa fino a poco tempo fa, a partire dagli annunci in pompa magna del 2016? Chiusa parentesi. 

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna di Tuttosport

Mazzarri: "Torino? Rifarei la stessa scelta di venire qui"

Tags: TorinoCairo

Tutte le notizie di Torino

Approfondimenti

Commenti