Torino

Torino, la Roma corteggia il segretario Longo
© CIAMILLO

Torino, la Roma corteggia il segretario Longo

Il rinnovo con Cairo non è stato ancora annunciato: si attende una svoltatwitta

martedì 17 aprile 2018

di Marco Bonetto

TORINO - Segretario generale: Pantaleo Longo. Al Torino dal luglio 2010. La stessa carica aveva ricoperto in precedenza nella Lazio di Lotito. Avvocato, vantava al suo attivo anche esperienze in Federcalcio. Al fianco del ds Petrachi, con cui ha subito formato un tandem inossidabile, Longo ha vissuto di tutto, professionalmente parlando, in questi anni di giostra tra la serie B e l’Europa League. E il ruolo di segretario generale, si sa, è fondamentale in una società di calcio: per un ventaglio di incombenze dal calciomercato all’organizzazione della vita societaria e dell’attività agonistica, fino alla giustizia sportiva. Longo, in tutti questi anni, ha sempre goduto anche dell’appoggio di Cairo: stima, fiducia, condivisione. Non deve stupire, di conseguenza, che nei mesi scorsi il presidente del Torino abbia inteso procedere con un prolungamento contrattuale anche per Longo, oltre la scadenza del 30 giugno 2018: come per Petrachi, per l’appunto.

Ma adesso dal mondo del mercato stanno uscendo spifferi sul fatto che da Roma (però sulla sponda giallorossa, stavolta) stiano seguendo con grande attenzione il percorso di Longo: e abbiano inserito anche lui nel novero dei segretari potenzialmente agganciabili per la prossima stagione. La Roma sta infatti valutando la possibilità di implementare le professionalità negli uffici della propria segreteria: e in tale contesto Longo è, per l’appunto, una delle figure più chiacchierate nei corridoi del calciomercato dirigenziale. Fonti qualificate riferiscono poi che, a ieri, il nuovo contratto di Longo non sarebbe ancora stato depositato in Lega. Possibile? Una richiesta di delucidazioni al Torino non ha sortito effetto.

In attesa di comunicazioni atte a risolvere i dubbi, per amor di verità, chiudiamo saltando di palo in frasca. Ma restando sempre nell’ambito del mercato. Come da normative, la Figc ha pubblicato i compensi dei procuratori sportivi nel 2017 in serie A. Dopo Juve, Roma e Milan, è il Torino il club ad aver versato più soldi: 8 milioni. Una “posizione di classifica”, però, che non si sposa perfettamente con la qualità e l’importanza oggettiva del mercato granata: che non è stato certo da Champions.

Serie A, Chievo-Torino 0-0: pari senza gol al Bentegodi

Tags: Torino

Tutte le notizie di Torino

Approfondimenti

Commenti