NBA 2K League: tutto pronto per la seconda stagione
0

NBA 2K League: tutto pronto per la seconda stagione

La NBA 2K League riparte in grande stile e scalda i motori per la seconda stagione, in programma a partire dal prossimo 2 aprile, con il draft tenutosi a New York lo scorso 5 marzo.

lunedì 11 marzo 2019

Una cerimonia ispirata in tutto e per tutto a quella che si celebra nella NBA “autentica” ogni anno. Sul palco, di fronte a una platea gremita, il managing director Brendan Donohue annuncia una per una le scelte delle singole squadre, coi giocatori che vanno a sancire il momento con una stretta di mano e si godono le luci della ribalta. Ma per arrivare a questo punto, i talenti del titolo 2K Sports hanno dovuto superare una dura selezione, ancora più probante di quella sostenuta nella stagione inaugurale, per assicurare al torneo il massimo livello di competitività. La 2K League d'altronde ha alte ambizioni e Adam Silver, a capo della NBA, la ritiene a tutti gli effetti la quarta lega cestistica americana – dopo la stessa NBA, il campionato di sviluppo denominato G-League e l'associazione femminile WNBA. Vediamo in che modo questa seconda annata targata 2K League mira a superare il successo della prima.

Innanzitutto, è aumentato a 21 il pool delle squadre ai nastri di partenza. L'idea di Adam Silver è di portare in breve tempo il totale a trenta, con altrettante filiali delle franchigie che competono attualmente in NBA. Quest'anno si sono aggiunti al gruppo gli Hawks Talon GC, i T-Wolves Gaming, i Nets GC e infine i Lakers Gaming, a rappresentare la nobile franchigia losangelina che proverà a replicare anche sui parquet virtuali la storica rivalità coi Celtics di Boston. Al termine della scorsa stagione, che si è chiusa in agosto col trionfo a sorpresa dei Knicks Gaming, le 17 squadre partecipanti hanno scelto due giocatori del loro roster da “trattenere”. In alcuni casi la selezione non è stata semplice: i Blazers, ad esempio, hanno mantenuto intatto il tandem composto da OneWildWalnut, MVP della stagione regolare, e dal playmaker MamaI'mDatMan, rinunciando però al talentuoso Dat Boi Shotz.

nba 2k league

I Bucks Gaming hanno rinnovato la fiducia a oLarry, e la community sarà particolarmente felice di vederlo di nuovo alle prese col joypad: Larry era presente nel locale di Jacksonville, Florida, durante l'attentato dello scorso 26 agosto, e rimase ferito da un proiettile rischiando di perdere l'uso della mano. Nella fase successiva, si è tenuto il cosiddetto expansion draft. Per permettere ai quattro nuovi team di mettersi in pari col resto della competizione, i nuovi entranti hanno goduto della priorità di scegliere due giocatori tra quelli rimasti a piede libero. Si sono subito consumate firme eccellenti: Hood, tra i migliori realizzatori della regular season ma dotato di un carattere controverso, si è accasato ai T-Wolves mentre il già citato Shotz è stato subito opzionato dagli Hawks. NateKahl, specialista difensivo MVP delle finali coi Knicks, è rimasto nella città di New York ma ha cambiato maglia, unendosi ai Nets con sede a Brooklyn.

Nel periodo successivo le squadre potevano accordarsi tra di loro, cedendo scelte al draft in cambio di un “diritto di prelazione” su giocatori da scegliere al draft successivo. Intanto, si andava componendo la nuova rosa di protagonisti per la stagione 2019, intenti a cimentarsi col nuovo titolo di casa 2K uscito a inizio settembre per console e personal computer. La procedura per entrare tra i ranghi della 2K League si è aperta a novembre. Ai candidati veniva richiesto di vincere almeno 100 partite nell'arco di un mese nelle due modalità competitive 5vs5 interne alla sezione MyCareer, Pro-Am e Jordan Rec Center, mantenendo una percentuale di vittoria superiore al 50%.

nba 2k league 2

I qualificati, nell'ordine delle centinaia, sono stati poi invitati a un'autentica combine, seppur virtuale. Un mese di partite da giocare su server chiusi, specializzandosi in un singolo ruolo in campo, sotto stretta sorveglianza di scout e dirigenti che avrebbero valutato non solo le statistiche e le vittorie, ma anche le competenze cestistiche dei giocatori e la loro attitudine a “fare squadra”: caratteristiche umane da confermare poi con colloqui dal vivo. Contemporaneamente, per allargare ancora di più la prospettiva in senso globale, la 2K organizzava un evento a invito, tenutosi a Hong Kong, per selezionare i performer più promettenti della scena asiatica. Anche attraverso la sua lega satellite, dunque, la NBA sta insistendo sulla promozione del basket a livello internazionale: mai come in questi anni giocatori europei, asiatici e africani stanno lasciando il segno nella lega cestistica più famosa al mondo, e la scelta di Giannis Antetokounmpo (greco di origini nigeriane) come uomo-copertina del titolo 2K19 accanto a LeBron James non è casuale.

Nel draft del 5 marzo, dunque, c'erano a disposizione 126 posti (6 per squadra) tra 198 giocatori: i 48 rimasti free agent dopo la stagione inaugurale e i 150 premiati dagli stage di qualificazioni. Tra le new entry si segnalano 22 giocatori provenienti dal di fuori degli Stati Uniti, Europa compresa, e due donne. Una di loro, Chiquita “Chiquitae126” Evans, è stata scelta alla cinquantaseiesima posizione dai Warriors Gaming, infrangendo così la “barriera di genere” nella 2K League.

evans

Oltre a Chiquita, molti nomi nuovi si sono imposti tra le prime scelte del draft: le franchigie hanno dimostrato di preferire talenti dall'alto potenziale, che hanno raffinato le loro stick skills sullo slancio della popolarità della prima edizione della 2K League: attingendo dai team più conosciuti sulla scena competitiva Pro-Am, gli scout sono potuti andare sul sicuro. Con la prima selezione assoluta i Jazz Gaming hanno messo a roster Spencer "Ria" Wyman rispettando il pronostico: Ria è probabilmente il big man più atteso della stagione, un nome di riferimento tra gli appassionati. Con la seconda scelta i Warriors si sono invece assicurati i servizi di Samuel "Gradient" Salyers mentre i Kings hanno scelto Michael "Bp" Diaz con la terza pick. Scorrendo la lista troviamo membri di tutti team Pro-Am di maggiore successo – come Space Jam, Throwdown, No Smoke - compresi due rappresentanti degli Island Gang: il playmaker BearDaBeast e SlayIsland, noto per i suoi video di gameplay su YouTube, che si unirà ai Milwaukee Bucks restando nello stato nativo del Wisconsin.

evans 2

La nuova stagione si articolerà in maniera simile alla precedente. Venti giornate di regular season, playoff finali per le migliori otto squadre, tre tornei interstagionali (di cui l'ultimo, The Ticket, garantirà al vincitore un posto – un biglietto, per l'appunto – per i playoff, di cui i Knicks approfittarono in grande stile nel 2018). Ogni partita, da disputarsi nell'avveniristico studio di New York, sarà trasmessa in diretta su Twitch, e da quest'anno la “partita del giorno” verrà proposta anche a orari adatti per il fuso orario europeo: l'idea è quella di non accontentarsi dei 152 milioni di contatti video totalizzati nella scorsa stagione. Cambia anche il montepremi, che aumenta a 1,2 milioni di dollari per tenere il passo con una popolarità in crescita: i 21 team che compongono la 2K League vantano quasi 2 milioni di follower complessivi sui social network, e il franchise NBA 2K si conferma il secondo titolo sportivo più venduto e frequentato al mondo, dietro al calcistico FIFA: si stimano 1,6 milioni di utenti attivi ogni giorno e 5 milioni al mese.

Nella community c'è molta curiosità per capire come il nuovo titolo 2K19 si adatterà alla competizione professionistica della 2K League. Come nella scorsa stagione, i giocatori saranno chiamati a scegliere tra una lista di archetipi predefiniti per ogni ruolo in campo, dotati di caratteristiche fisse – un po' come accade in un MOBA quale League of Legends. Lo scopo di sviluppatori e organizzatori è quello di garantire equilibrio e varietà nell'esperienza di gioco, a beneficio sia dei migliori campioni al mondo sia dei casual gamer che li guardano ammirati. L'appuntamento con il torneo inaugurale, il Tip-Off, è fissato per il 2 aprile.

Servizio a cura di GEC - Giochi Elettronici Competitivi

Nba 2K League

Commenti