Formula 1

F1 Ferrari, Marchionne: «Ipotesi addio resta concreta»
© Marco Canoniero

F1 Ferrari, Marchionne: «Ipotesi addio resta concreta»

Regole sullo sviluppo da cambiare, o la scuderia potrebbe abbandonare il circustwitta

sabato 2 dicembre 2017

ARESE - L'addio della Ferrari alla Formula 1 resta una minaccia concreta. Lo ha confermato l'ad e presidente del Cavallino, Sergio Marchionne, presentando il nuovo team di F1 Alfa Romeo Sauber. «La Ferrari non vuole mollare sullo sviluppo della tecnologia. Non possiamo rendere tutte le macchine di Formula 1 uguali al punto di non riconoscerle dal punto di vista tecnologico. Se è così, Ferrari troverà il modo di far valere il suo valore e si porterà dietro Sauber - ha detto Marchionne - Il dialogo è cominciato e continua a evolversi. Abbiamo tempo fino al 2020 per trovare una soluzione che sia di beneficio alla Ferrari. La minaccia di far uscire la Ferrari dalla F1 è seria. L'accordo di Alfa Romeo con Sauber scade nel 2020-2021, quando Ferrari potrebbe uscire. Dobbiamo trovare una soluzione per il bene dello sport ma dobbiamo essere chiari su cosa non si può mollare».

TIFOSO FERRARI - Alla domanda su quale sarà il team per cui farà il tifo nella prossima stagione, tra Alfa e Ferrari, Marchionne dice: «Se arriva l'imbarazzo ben venga, per il momento penso che tiferò per la Ferrari poi, vediamo cosa farà l'Alfa Romeo Sauber». In merito a un possibile arri della Maserati in Formula E, invece, l'ad afferma che «ci stiamo pensando ma non c'è nulla di deciso. La sta guardando anche la Ferrari».

Alfa Sauber con Leclerc ed Ericsson

Tags: ferrariMarchionnealfaromeosauberMaserati

Tutte le notizie di Ferrari

Approfondimenti

Commenti