IN Torino

Al via la Stagione di GiovedìScienza
0

Al via la Stagione di GiovedìScienza

La seguitissima kermesse scientifica, arrivato alla stagione numero 33, si protrarrà da oggi fino al 14 marzo

giovedì 15 novembre 2018

L’appuntamento a Torino si rinnova per la 33a stagione, un traguardo da record. GiovedìScienza, l’immancabile e attesissimo appuntamento con la scienza e i suoi protagonisti che la racconteranno dal vivo, riparte da oggi e fino al 14 marzo coinvolgerà migliaia di giovani e adulti per discutere e riflettere sulle tematiche scientifiche. 

In questo terzo di secolo gli argomenti studiati sono cambiati al pari dello scorrere del tempo: negli Anni Ottanta si è discusso di informatica e questione energetica per arrivare alla fisica delle particelle; il decennio successivo è stato dedicato all’esplorazione spaziale e all’ecologia; mentre nel nuovo millennio si è partiti dalla medicina e dalla genetica fino al nuovo focus su fisica e astrofisica acceso dalle scoperte della particella di Higgs e delle onde gravitazionali.

Il programma di questa edizione si intreccerà, nuovamente, con la stretta attualità: la medicina rigenerativa e preventiva (vaccini), l’informazione scientifica nell’era di Internet, lo spazio nel cinquantennale dello sbarco sulla Luna, l’applicazione della genetica allo studio delle origini dell’uomo. Interessante e variegato anche il programma relativo alle tredici conferenze in programma, tutte condotte da Piero Bianucci e Alberto Agliotti: il Teatro Colosseo, l’Aula magna Cavallerizza Reale dell’Università di Torino, l’Aula magna “Giovanni Agnelli” del Politecnico di Torino e, per la prima volta, l’Auditorium della Città metropolitana di Torino saranno i luoghi deputati allo svolgersi di tali attività.

Non mancheranno i personaggi di rilievo: l’immunologo Alberto Mantovani, l’epidemiologo Paolo Vineis e il pediatra Gianni Bona daranno un quadro generale della situazione attuale prima di confrontarsi e rispondere alle domande del pubblico presente. Senza dimenticare Piero Angela e Luca Perri ma anche l’immunologo Alberto Mantovani; Walter Quattrociocchi e il premio Nobel per la medicina Christiane Nusselein-Volhard fino ad arrivare ad Amalia Ercoli Finzi, la prima docente donna di ingegneria aerospaziale.

Giovedìscienza ALberto Mantovani Piero Angela Paolo Vineis Gianni Bona Walter Quattrociocchi Amalia Ercoli Finzi Christiane Nusselein-Volhard

Commenti