IN Torino

La pizza napoleana inserita tra i patrimoni dell'Unesco

La pizza napoleana inserita tra i patrimoni dell'Unesco

L'arte del pizzaiuolo partenopeo ha ottenuto il riconocimento, a voto unanime, del Comitato: ora fa parte della "rappresentativa lista dei beni intangibili dell'umanità"

 twitta

giovedì 21 dicembre 2017

Il Comitato di governo dell’Unesco ha votato per l’unica candidatura italiana, e il voto è stato unanime. A Jeju, in Corea del Sud, la pizza napoletana è stata riconosciuta come patrimonio dell’Unesco. Anzi a dirla tutta è l’arte del “pizzaiuolo napoletano” a essere stata inserita nella “rappresentativa lista dei beni intangibili dell’umanità”. Si tratta di un «Riconoscimento storico» come ha affermato dopo il voto di inizio dicembre, mentre l’Unesco ha twittato “Congratulazioni Italia”. Insomma da Capodimonte, dove fu inventata e sfornata la prima pizza al mondo, all’Unesco la pizza napoletana e i pizzaiuoli di strada ne hanno fatta. Il risultato è motivo d’orgoglio non solo all’ombra del Vesuvio ma per tutto il Paese che finalmente vede riconosciuto a livello internazionale uno dei suoi prodotti più caratteristici.

Tags: pizza napoletanapatrimonio UnescoComitato di governo dell'Unescoarte pizzaiuolo

Tutte le notizie di Mixed Zone

Approfondimenti

Commenti