Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

MotoGp, Camier: «Rossi è da sempre il mio eroe»»

Esordio con la Ioda per il pilota che arriva dalla Superbike: sarà in squadra con Petruccitwitta

giovedì 16 gennaio 2014

ROMA – In pista con i campioni che vedeva correre da bambino e per i quali tifava: è quanto succederà a Leon Camier, sbarcato in MotoGp dalla Superbike, dopo tre anni con la Suzuki, grazie al contratto siglato con la scuderia Ioda. Camier avrà Danilo Petrucci come compagno di squadra e avrà il compito di non far rimpiangere il partente Aleix Espargarò, che con la ART nella passata stagione è stato in grado di dare qualche grattacapo alle moto prototipo.

EROE DI GIOVENTU' - «Stare sulla griglia di partenza con quei piloti sarà fantastico – dice il pilota, campione della British Superbike – Rossi è il mio eroe da quando ero un ragazzino e adesso sarò in gara con lui». Camier ritroverà nel team Ioda Giampiero Sacchi, che lo portò in Aprilia per il mondiale Sbk nel 2010. Adesso guiderà di nuovo un'Aprilia, ma sarà una ART, anche se sarà da valutare come impatterà sul team il divorzio con Aspar. «Quando mi ha chiamato Giampiero mi ha detto di volare subito a Roma e in un attimo ho firmato il contratto. Ancora non so a che livello di sviluppo sarà la moto, ma mi hanno detto che non avrà a da invidiare a quella dello scorso anno e che ci saranno degli sviluppi nel corso della stagione. La cosa più figa è che ci alleniamo e passiamo un sacco di tempo insieme, discutendo di tutto: l'ultima questione è stata su chi dovrà mettere a disposizione la macchina per andare in aeroporto prima delle gare».

Tutte le notizie di Moto Gp

Approfondimenti

Commenti