Moto

MotoGp, Brivio: «Farebbe comodo una scuderia satellite»
© Gaetano Piazzolla FOTO G.PIAZZOLLA-AG ALDO LIVERAN

MotoGp, Brivio: «Farebbe comodo una scuderia satellite»

Il team manager della Suzuki ammette gli piacerebbe avere un team di supporto per il lavoro di sviluppo: «Ci stiamo pensando da tempo, ma non sarà facile»
twitta

venerdì 1 dicembre 2017

ROMA - Quest’anno si è verificato più volte. Con Johann Zarco che spesso ha chiuso davanti a Rossi e Viñales, oppure con Petrucci piazzato in gara meglio di Dovizioso e Lorenzo, o ancora con Crutchlow che chiude precedendo Marquez e Pedrosa. Non è così infrequente, in MotoGp, vedere i piloti delle scuderie satellite che chiudono davanti ai rider “ufficiali”. Avere un altro team che lavora sullo stesso materiale può dare indicazioni utili per lo sviluppo. Ne è pienamente convinto Davide Brivio, team manager della Suzuki che ha sottolineato come la anche la sua scuderia avrebbe bisogno di una squadra “di supporto”.

IDEA DIFFICILE «Con più piloti in pista, potremmo raccogliere più informazioni - spiega al magazine tedesco Speedweek - Sarebbe un grande vantaggio per il lavoro di sviluppo, tutti i team gradirebbero questa soluzione». Brivio, poi, afferma che le discussioni sul tema vanno avanti da un po’ in Suzuki: «ci stiamo pensando da tempo, ma non è ancora stata presa una decisione, ma spero che si possa fare. Ma non sarà facile perché non abbiamo esperienza».

Tutto sul motomondiale

Moto2 e Moto3 ancora con Dunlop

Tags: MotogpApriliabrivia

Tutte le notizie di Moto Gp

Approfondimenti

Commenti