Moto

MotoGp, Lorenzo: «Rossi? Non c'è feeling, ma lo stimo»
© EPA

MotoGp, Lorenzo: «Rossi? Non c'è feeling, ma lo stimo»

Il pilota della Ducati, ospite della Tv spagnola, esalta il Dottore e parla del suo futuro: «Corro per passione, posso andare avanti a lungo. E mi basta vincere un altro titolo»twitta

giovedì 7 dicembre 2017

ROMA - I dissapori ai tempi della Yamaha con Valentino Rossi sono ormai alle spalle, e quindi ora Jorge Lorenzo può spendere qualche parola buona per il Dottore. «È vero, non ci vado molto d’accordo, ma è un pilota che ha dato molto al motociclismo con il suo carisma. Tutti quanti abbiamo beneficiato del suo contributo. Lo ammiro, e voglio imparare da lui». Il pilota della Ducati lo ha detto in tv, ospite della trasmissione spagnola "Mi casa es la tuya" dove  ha fatto una lunga chiacchierata con Bertìn Osborne, padrone di casa, conduttore nonché attore e cantante famosissimo nella penisola iberica.

LOW PROFILE Poi Lorenzo ha ridimensionato le sue ambizioni mondiali. Nella puntata appena andata in onda (che però è stata registrata a giugno, subito dopo il Gp di Barcellona) ha sostenuto che si sarebbe accontentato di un altro titolo. «Sono sicuro di non poter vincere altri cinque titoli - ha spiegato - ma mi piacerebbe conquistarne un altro, con quello sarei a posto».

SUL FUTURO Infine il maiorchino ha parlato del suo futuro e di come abbia voglia di correre ancora, nonostante, agli inizi, pensasse di smettere molto presto: «Ho sempre previsto di ritirarmi a 27 anni, ma ogni anno che passa mi diverto sempre di più. Se non avrò grossi infortuni potrò continuare a lungo. Non credevo di arrivare così in alto, ho raggiunto grandi traguardi, ormai corro per passione».

Tutto sulla MotoGp

Rossi, paura di smettere

Tags: Motogpducatilorenzo

Tutte le notizie di Moto Gp

Approfondimenti

Commenti