Motori

Due Ruote

Bayliss con Ducati nelle gare Flat Track

twitta

mercoledì 29 aprile 2015

Le gare di Flat Track sono una specialità molto popolare negli Stati Uniti. Nate agli inizi del ventesimo secolo hanno raggiunto la massima popolarità negli anni ’20 e tutt’oggi sono molto seguite negli Stati Uniti ed in Australia. Si disputano su diverse tipologie di tracciato, ma quelle che in America vanno per la maggiore sono le corse su ovale da un miglio, per la spettacolarità e la velocità che raggiungono i piloti in pista.

Questa specialità non è una novità per Troy Bayliss: nel 2013, il tre volte campione del mondo Superbike ha ideato in Australia la Troy Bayliss Classic, competizione su ovale a cui si può partecipare esclusivamente su invito e da allora, ha gareggiato nel suo paese natale contro molti dei protagonisti del campionato AMA Pro Flat Track. Nel 2014 ha vinto anche i campionati nazionali di Flat Track e Supermoto in Australia. Per questo motivo, Bayliss ha scelto di correre nelle cinque gare del campionato americano che si disputeranno sul tracciato da un miglio ed il suo debutto è fissato sul leggendario ovale di Springfield, nell’Illinois, il prossimo 24 maggio, dove sarà al via col compagno di squadra Johnny Lewis, specialista delle corse su ovale.  “Da ragazzo, mi sono fatto le ossa proprio con il Dirt Track e il Flat Track - ha detto Troy - tutto ciò che ho imparato sullo sterrato mi è poi servito nella mia carriera in pista, e ritrovarmi ora al punto di partenza mi fa sentire giovane. Voglio divertirmi e partecipare al Campionato Americano sarà una bella sfida, ma non potevo non cogliere l'occasione di correre su una Ducati con Lloyd Brothers Racing, oltretutto con i colori Scrambler".

La moto è stata realizzata partendo da un bicilindrico Ducati a due valvole raffreddato ad aria, debitamente preparato per le corse su ovale, alle quali si ispira il più sportivo degli Scrambler: il Full Throttle. Come la moto che guiderà Bayliss, lo Scrambler Full Throttle è dotato di manubrio basso e largo, ha il doppio scarico sul lato destro e le tabelle porta numero, che sulla moto di Troy sfoggiano il celebre 21 del pilota australiano. Realizzata dal team Lloyd Brothers Motorsports, grazie anche al supporto di Ducati ed alla sponsorizzazione dello storico collezionista Ducati Jim Dillard, la moto di Troy Bayliss vanta un telaio artigianale appositamente realizzato per le gare di Flat Track, sospensioni specifiche per le corse su ovale, ruote da 19 pollici e, come da regolamento, il solo disco freno posteriore. 

Tutte le notizie di News Motori

Approfondimenti

Commenti