Motori

Due Ruote

Kawasaki Z300: naked mini

twitta

venerdì 21 novembre 2014

La linea ricorda (più di altre sue concorrenti) quelle delle sorelle maggiori con motori di grossa cilindrata. Si chiama Z300, è l'ultima nata della famiglia naked prodotta dalla Kawasaki e nel design non ha a da invidiare ai modelli più potenti. Le masse tendono verso l'anteriore e lasciano il codino minimalista a fare da elemento caratterizzante della zona posteriore. Il verde Kawasaki trionfa nel serbatoio da 17 litri, nella coda, nel frontale dotato di cupolino piuttosto compatto (dietro c'è il cruscotto con tachimetro e display LCD multifunzione) e nella "pinna" copri-motore mentre la parte centrale "stacca" con il nero dei deflettori che mette ancora più in risalto le forme della moto. Sulle fiancate laterali, anch'esse in nero, c'è una Z verde in bella evidenza che ricorda, se mai ce ne fosse bisogno, di che moto stiamo parlando. Un po' ingombrante, rispetto alla leggerezza del retrotreno, risulta lo scarico bicolore mentre da notare il lavoro stilistico fatto sui cerchi a 5 razze sdoppiate nella parte finale. Certamente tra gli elementi più belli della moto. 

 

La Kawasaki Z300 è spinta da un bicilindrico parallelo da 296cc, a 4 tempi, raffreddato a liquido e capace di 39 cv di potenza. Il motore è dotato di pistoni e blocco cilindri in alluminio pressofuso dal peso contenuto, derivato dall'esperienza delle corse in pista e di doppia valvola a farfalla che ottimizza coppia e potenza in qualsiasi range di giri. Il telaio a diamante in acciaio è derivato da quello della sportiva Ninja 300 e su di esso è fissata una forcella con steli da 37 mm ma anche un monoammortizzatore posteriore Uni-Trak regolabile nel precarico. L'impianto frenante prevede dischi "racing" a margherita per l'anteriore (da 290mm) e il posteriore (da 220mm) e l'ABS di serie. Tra le "chicche", le pedane supersportive in alluminio, la gomma posteriore da 140mm in grado di aumentare la tenuta in curva ma anche la frizione assistita anti-saltellamento. Disponibile in nero o in verde da febbraio 2015, costerà meno di 6.000 euro. 

A Milano, Kawasaki ha presentato anche la sorella Z250SL (SuperLeggera) con motore monocilindrico, telaio a traliccio e peso contenuto in meno di 150 kg: anche per lei due colorazioni nero e verde e un prezzo inferiore ai 5.000 euro. Manca, però, l'ABS di serie.  

Tutte le notizie di News Motori

Approfondimenti

Commenti