Due Ruote

Motori
Eicma 2015, il ritorno delle moto "easy"

Eicma 2015, il ritorno delle moto "easy"

Al Salone di Milano tante anteprime dedicate ai giovani e a chi cerca una prima moto "cool" e facile. Lo stile? Preferibilmente naked, scrambler o cafe racer.twitta

venerdì 20 novembre 2015

 Federico Porrozzi

MILANO - Il motociclista del tempi moderni ha la necessità di spendere poco e il sogno di guidare comunque una moto “cool”. Chi prima e chi dopo, tutti i Costruttori stanno spostando sempre di più l’asticella dei loro obiettivi verso mezzi poco potenti, dalla manutenzione facile, tecnologici quanto basta ma allo stesso tempo dall’estetica ricercata e accattivante. Lo stile? Preferibilmente naked, scrambler o cafe racer. Una filosofia dedicata ai giovani che, dati di vendite alla mano, oggi preferiscono lo smartphone alla “puzza di benzina che fa girar la testa”. Il mondo delle due ruote proverà a riconquistarli per il bene del suo futuro.


DUCATI e GUZZI - Nei primi giorni dell’EICMA, salone annuale delle due ruote in programma fino a domenica alla Fiera di Milano, ci eravamo fatti ammaliare dai pezzi pregiati: aggressive e cromate muscle-bike, supersportive derivate dalle corse e crossover talmente comode da girarci il mondo. A mente lucida, passata la “sbornia” da metalli luccicanti, sogni da MotoGp e costosi launch control di serie, possiamo dirlo: le regine dei padiglioni sono loro, le moto facili. Ducati, ha portato al suo stand la “sorellina” della Scrambler 800 cc presentata lo scorso anno: si chiama Sixty2 (omaggio al primo modello uscito nel 1962) ed ha un motore 399 cc da 41 cv. Costo? Di sicuro meno della 800 da 8.000 euro. Moto Guzzi ha presentato invece la V9 Bobber: linee da classic e un look total black che ben si presta alla moda hipster dei giorni nostri. 


GIAPPONESI NUDE - Dal mondo special arriva la Yamaha XSR 900. A meno di 10.000 euro, ecco la moto di serie ispirata a quella del geniale customizer Roland Sands. All’EICMA l’ha presentata nientemeno che Valentino Rossi. Se Kawasaki ha svelato la versione “Sugomi” (colorazione nero e cremisi e particolari anodizzati), della sua naked di accesso Z800 da 8.900 euro, la Honda ha rinnovato tutta la sua famiglia delle 500 cc (naked, sport e crosstourer da 6.000 euro) ed ha presentato anche due concept interessanti in stile scrambler e cafe racer con motori da 650 cc. Ritorno in grande stile in Casa Suzuki, che ha rinnovato una “media” di successo del passato, la naked SV650, più aggressiva e snella della vecchia versione.


BENELLI SORPRENDE - I tedeschi di BMW strizzano l’occhio ai giovanissimi, entrando per la prima volta nel settore delle piccole con la naked G310R. Il prezzo dovrebbe essere allettante. Dopo la 1200, ecco la versione media da 800 cc anche per la mitica Bonneville della Triumph: si chiama Street Twin e consuma il 36% in meno. Novità anche dall’Harley-Davidson che ha ridisegnato la sua custom d’accesso 883 Iron e dalla Husqvarna, che ha portato all’EICMA la versione quasi definitiva della sua Vitpilen 701, cafe racer con motore monocilindrico da 699 cc. Si sono mosse anche i Costruttori più “piccoli”: dalla francese Mash arriva la Scrambler 400 da 5.740 euro mentre della SWM è la cafe racer Gran Milano (5.550 euro) con motore 440. A sorprendere, però, è stata la gloriosa Benelli: si chiama Leoncino la scrambler con motore da 500 cc realizzata interamente dal centro stile di Pesaro. Il prezzo? Top secret ma, promettono, più basso della concorrenza.

 

Tags: eicma

Tutte le notizie di Eicma

Approfondimenti

Commenti