Due Ruote

Motori
Eicma 2016, Yamaha sfodera il tridente Tmax

Eicma 2016, Yamaha sfodera il tridente Tmax

Il marchio di Iwata presenta la nova generazione di scooter bestseller, disponibile in tre versionitwitta

martedì 8 novembre 2016

 Redazione Motori

MILANO - Il maxiscooter re del mercato si è rifatto il look. Lo attendevano in tanti, come si attende una superstar: e per non deludere le aspettative a portarlo sil palco è stato nientemeno che Valentino Rossi. Fascino, grinta e versatilità non sono mai mancati al Tmax ma per il 2017 Yamaha ha deciso di puntare ancora più in alto mettendo mano al proprio “gioiellino” rivoluzionandolo quasi completamente: nuova estetica, più contenuti, più tecnologia. Il nuovo commuter di Iwata sarà, inoltre, disponibile in tre diversi allestimenti: lo standard, il lussuoso DX e lo sportivo SX.

NUOVA CICLISTICA - Ad accomunare i tre “fratelli” pensa una linea ancora più aggressiva che non in passato, giocata su un frontale compatto e affilato e una zona centrale muscolosa, disegnata intorno al rinnovato telaio in alluminio a "boomerang" che ha permesso di incrementare anche la capacità di carico del sottosella. Le vere novità si nascondono però sotto le sovrastrutture: la ciclistica è del tutto inedita, forcellone, cerchi ruota e lo stesso telaio sono stati realizzati allo scopo di abbattere il peso della macchina (nettamente inferiore rispetto alla versione precedente) mentre l'elettronica non è mai stata così evoluta. I sistemi di sicurezza ABS e controllo di trazione sono offerti di serie su tutte le versioni così come l'avviamento "keyless", la strumentazione TFT (a colori) e la predisposizione per il “D Air Safety System” di Dainese.

UNO E TRINO - A differenziare l'allestimento base dai "fratelli" SX e DX è però proprio il corredo elettronico. L'SX aggiunge infatti agli aiuti alla guida il sistema D-Mode che permette di modificare la mappatura del motore mentre ad impreziosire questa versione, ed accentuarne la sportività, pensano finiture più curate e sportive. Il DX è il più ricco dei tre: la dotazione di serie comprende, oltre al D-Mode, anche il cruise control, il parabrezza regolabile elettricamente, le manopole riscaldate e la possibilità di intervenire sul setting del monoammortizzatore. Le versioni SX e DX sono inoltre arricchite dal nuovo sistema “TMax Connect” che, grazie all'apposita app, consente di connettere lo scooter al proprio smartphone e condividere tragitti e dati attraverso la community multimediale.

MOTORE EURO4 - Nonostante le molte novità introdotte la Casa di Iwata non è intervenuta in modo sostanziale sul propulsore: il bicilindrico frontemarcia da 530 cm3 è del tutto simile a quello impiegato sul precedente modello; ora però il propulsore è omologato Euro 4 e la gestione dell'acceleratore è affidata al nuovo sistema ride by wire YCC-T (Yamaha Chip Controlled Throttle).

Tags: Yamaha Tmaxyamaha

Tutte le notizie di Eicma

Approfondimenti

Commenti