Motori

Due Ruote
Marchionne: "Ferrari via da Maranello? Non scherziamo"
© ANSA

Marchionne: "Ferrari via da Maranello? Non scherziamo"

Si è tenuta l'assemblea degli azionisti Ferrari: confermato Felisa nel ruolo di amministratore. Marchionne: "La produzione rimane a Maranello ma non escludiamo un aumento".twitta

sabato 16 aprile 2016

TORINO - Si è svolta ieri in Olanda l’Assemblea degli Azionisti Ferrari, dove sono sono stati approvati i bilanci 2015 e rieletto tutti gli attuali amministratori di Ferrari. Amedeo Felisa e Sergio Marchionne sono stati rieletti amministratori esecutivi di Ferrari. Piero Ferrari, Louis C. Camilleri, Giuseppina Capaldo, Eduardo H. Cue, Sergio Duca ed Elena Zambon sono stati rieletti amministratori non esecutivi di Ferrari. Inoltre, gli Azionisti hanno nominato Delphine Arnault, John Elkann, Lapo Elkann, Maria Patrizia Grieco e Adam Keswick quali nuovi amministratori non esecutivi di Ferrari.

DIVIDENDI - Gli Azionisti hanno anche delegato al Consiglio di Amministrazione il potere di acquistare azioni ordinarie di Ferrari fino ad un massimo del 10% delle azioni ordinarie emesse alla data dell’Assemblea. In base alla delega, che non comporta per Ferrari alcun obbligo, ma è concepita per fornire flessibilità aggiuntiva, Ferrari può acquistare nei 18 mesi successivi all’Assemblea azioni proprie, ad un prezzo che non sia superiore di più del 10% ovvero non sia inferiore di più del 10% del prezzo medio di chiusura sul NYSE e/o sull’MTA nei cinque giorni precedenti l’acquisto. A seguito della odierna approvazione dei bilanci Ferrari potrà procedere con una distribuzione a favore dei possessori di azioni ordinarie di 0,46 Euro per azione ordinaria, corrispondente ad una distribuzione complessiva di circa 87 milioni di Euro. La data di pagamento è il prossimo 30 maggio 2016, come preventivamente deliberato dal Consiglio di Amministrazione della Società.

FERRARI RIMANE A MARANELLO - A margine dell'assemblea Sergio Marchionne ha risposto a un azionista: "Non se ne parla di spostare la produzione da Maranello". Quanto alla possibilità di fare una Ferrari ibrida, il manager ha risposto: "Siamo molto impegnati nell'ibrido, avete visto il lavoro in Formula 1. Un paio d'anni fa abbiamo prodotto un'auto che dimostra che possiamo permetterci l'ibrido ad alta tecnologia". Secondo il presidente della Ferrari "a medio e lungo termine anche l'elettrificazione è importante perché l'auto sia più accettabile sul piano ambientale. Dobbiamo esaminare la questione - ha spiegato - ma potremo dedicarci a questo comparto".

VOLUMI IN AUMENTO? - Per quanto riguarda un eventuale aumento della produzione Marchionne commenta: "Restiamo impegnati a mantenere l'esclusività del brand Ferrari e a rispettare quanto diceva Enzo Ferrari 'produrre un'auto in meno di quella che il mercato chiedè. Tuttavia crediamo che la domanda di Ferrari sia robusta e crescente e coglieremo le opportunità offerte dal mercato. Se le condizioni del mercato fossero adeguate valuteremo l'aumento dei volumi di produzione in modo graduale nei prossimi anni".

ALLEANZE FCA - La sera di giovedì il Presidente FCA John Elkann ha invece confermato che "non c'è alcuna accelerazione nella ricerca di un partner per Fca", sottolineando che l'argomento resta valido, senza dare nessuna indicazione sui tempi e i modi. Se si devono fare sforzi la dimensione è un valore. Oggi sembra che per alcuni costruttori sia più importante cavalcare le novità tecnologiche che produrre e vendere auto, ma il mercato continua a essere fondamentale", ha aggiunto Elkann. "Non bisogna fare scelte unilaterali su un candidato o su un'azienda tecnologica, sono scommesse pericolose per l'industria. La percentuale di aziende che morirà è enorme, dobbiamo rimanere aperti a tutti", ha osservato l'ad Sergio Marchionne.

Tags: Marchionneferrari

Tutte le notizie di Mercato

Approfondimenti

Commenti