Motori

Due Ruote
VW, Müller «L'elettrico è il futuro ma il diesel non è finito»

VW, Müller «L'elettrico è il futuro ma il diesel non è finito»

L'obiettivo è quello di offrire una mobilità sostenibile a un prezzo accessibile su larga scalatwitta

venerdì 12 maggio 2017

 A.V.

TORINO - «Il futuro è elettrico. Vogliamo diventare i numeri uno nella mobilità elettrica entro il 2025» lo ha ribadito il numero uno del Gruppo Volkswagen, Matthias Müller, durante l’assemblea generale annuale tenutasi ad Hannover, dove ha precisato che il gruppo tedesco «sta continuando a sviluppare motori a benzina e diesel, rendendoli ancor più efficienti ed ecologici, perché rimarranno indispensabili nell’immediato futuro». L’obiettivo è quello di offrire una mobilità sostenibile a un prezzo accessibile su larga scala, continuando a schierare l’intera gamma di motori: dai tradizionali a quelli completamente elettrici.

INVESTIMENTI - Müller ha poi ricordato che il gruppo ha investito circa 3 miliardi di euro in tecnologie alternative negli ultimi cinque anni e triplicherà questa somma nel corso dei prossimi cinque. Così facendo «il Gruppo VW introdurrà più di dieci nuovi modelli elettrificati entro la fine del 2018, aggiungendone più di trenta BEV entro il 2025”. Quanto ai diesel, il gruppo tedesco investirà circa 10 miliardi di Euro entro il 2022 rendendolo dal 10 al 15% più efficiente entro il 2020.

MOBILITA’ - Müller ha sottolineato come il riallineamento del Gruppo stia prendendo piede, citando numerose ulteriori iniziative «Volkswagen sta diventando più veloce, più concentrata e più orientata al cliente; ci stiamo trasformando da produttore di automobili a fornitore di mobilità leader al mondo. C’è bisogno di cambiamento perché il nostro settore vedrà più trasformazioni nei prossimi dieci anni di quante ne abbia viste negli ultimi 100»

PARTNERSHIP - Un altro elemento centrale del programma per il futuro sono le partnership, con l’obiettivo di sviluppare nuove opportunità di business o l’avanzamento di nuove tecnologie. Secondo Müller «Aprirci come azienda fa parte del diventare la “nuova” Volkswagen. Negli ultimi mesi, abbiamo stretto molte collaborazioni promettenti e stiamo conducendo intense negoziazioni per stabilire partnership nella produzione delle batterie in Europa e Cina. Ne sentirete parlare ancora presto»

FUTURO - Quanto al futuro, malgrado il dieselgate, secondo Müller, la Volkswagen è ben preparata per affrontare i cambiamenti fondamentali nell’industria automobilistica. «Nell’ultimo anno fiscale, abbiamo messo le basi per la più ampia trasformazione nella storia del Gruppo. E abbiamo ottenuto una performance operativa molto migliore di quanto molte persone avessero pensato possibile e per il 2017 continuiamo così»

Tags: Gruppo Volkswagen

Tutte le notizie di Mercato

Approfondimenti

Commenti