Motori

Due Ruote
Pokemon Go, il gioco causa il primo incidente in USA
© EPA

Pokemon Go, il gioco causa il primo incidente in USA

Un guidatore 28enne di Auburn (New York, USA) che è finito contro un albero con la sua auto mentre giocava a Pokemon Gotwitta

giovedì 14 luglio 2016

di A.V.

ROMA - Tanto tuonò che piovve. O meglio, tanto si giocò che qualcuno si fece male. Il gioco è Pokemon Go, di cui vi abbiamo parlato ieri e che è il fenomeno di massa di questi giorni, mentre l’infortunato è un guidatore 28enne di Auburn (New York, USA) che è finito contro un albero con la sua auto mentre giocava a Pokemon Go. La storia ha dell’incredibile ma è confermata dalla polizia locale che ha fatto i rilevamenti dopo l’incidente. Erano circa le 22:44 e gli agenti hanno risposto a una chiamata nell’area di Owasco Street, dove l’incauto giocatore era appena uscito fuoristrada provocandosi diverse ferite alle gambe e uno stato di shock.

Uno degli agenti ha dichiarato alla stampa locale che il guidatore è stato molto fortunato, perché il motore stava per entrare nell’abitacolo. Sull’incidente non sono state diffuse ulteriori informazioni perché l’indagine è ancora in corso, ma la persona che era al volante ha subito ammesso di essersi distratta perché stava giocando a Pokemon Go. A nulla sono servite le raccomandazioni al buon senso della motorizzazione e della polizia locale diramate nei giorni scorsi, il videogioco a realtà aumentata ha mostrato tutta la sua pericolosità. Tuttavia, non è questo l’unico episodio.

Dopo soli 3 giorni di disponibilità della app – domani arriverà in Italia – in cui Pokemon Go è risultata quella più scaricata in tutti gli Stati Uniti, si contano già molti episodi non proprio piacevoli causati dalla caccia agli “animaletti”: violazioni di domicilio e proprietà privata, scoperte di cadaveri, avvicinamenti ai binari e, più in generale, una mancanza di buon senso ed educazione. Aspettiamo di vedere che cosa accadrà in Italia. 

Tags: pokemon goincidenti

Tutte le notizie di Mondo motori

Approfondimenti

Commenti