Motori

Due Ruote
Malingri, dinastia di velisti record con Citroen

Malingri, dinastia di velisti record con Citroen

Vittorio e il figlio Nico hanno stabilito un nuovo record da Dakar a Guadalupe a bordo del catamarano targato Citroentwitta

giovedì 20 aprile 2017

 Francesco Colla

ROMA - Vittorio, il padre, e Nico, il figlio, ce l’hanno fatta. I Malingri hanno battuto il record da Dakar a Guadalupa, attraversando l’oceano Atlantico in poco più di 11 giorni a bordo del catamarano Feel Good targato Citroen Unconventional Team

Una sfida contro il mare contro sé stessi su un guscio lungo solo 6 metri, con una cambusa ridotta a disposizione e pochissimo tempo per riposarsi. Una prova sfiancante in balia dei venti: nelle ore precedenti all’arrivo a Point à Pitre i due hanno navigato a una velocità massima di 5-6 nodi, allontanandosi dalla latitudine di Guadalupa verso Nord per strambare più volte creando così del vento apparente e consentire a FeelGood di mantenersi più stretto al vento e navigare il più possibile al traverso.

“E’ stato un grande divertimento -  ha commentato Vittorio -  una planata infinita. Il momento veramente duro è stato ieri mattina, in una situazione con poco vento, abbiamo discusso se mettere su il gennaker e ci siamo ribaltati. Stavamo mettendo in atto la procedura e la barca ha iniziato ad andare giù a 180° ma per fortuna Nico è scattato come un ragno sul tubo di raddrizzamento, ci siamo raddrizzati ed è risalito il vento. Così non abbiamo perso nemmeno un metro”. 

I Malingri hanno battuto il precedente record (11 giorni, 11 ore e 25 minuti) detenuto dai francesi Pierre-Yves Moreau e Benoît Lequin, navigando per ben 2.551 miglia marine, poco meno di 5.000 km. Gli inconvenienti non sono mancati, nella più pura tradizione marinaresca. Come le alghe che hanno costretto padre e figlio a liberare a intervalli regolari il timone, un grosso pesce luna che ha sfiorato il timone rischiando di romperlo, l’incrocio mozzafiato con due balene e due scuffiate.

Tags: citroen

Tutte le notizie di Mondo motori

Approfondimenti

Commenti