Motori

Due Ruote

Nuova Honda Civic Sport, le nostre impressioni

La nostra prova su strada della nuova Honda Civic Sport, una berlina "vestita" da coupé equipaggiata con motori brillanti e parchi nei consumi. twitta

venerdì 17 aprile 2015

ROMA - L'avevamo vista ai saloni, finalmente ci siamo messi al volante. Ecco la nuova Honda Civic Sport, allestimento inedito e dal nome programmatico che evoca la grande tradizione (e il presente) dell'Ala nel mondo delle competizioni. Non immaginatevi, però, un motore iper-pompato e prestazioni da supercar, per quelle sarà necessario attendere l'estate e l'arrivo della nuova, esagerata Type R da 310 cavalli. La sportività è espressa innanzitutto esteticamente, poi anche nelle generose propulsioni che garantiscono una guida divertente ed economica dal lato consumi.

FUORI e DENTRO - Il design è assolutamente particolare: dà nell'occhio ed è immediatamente riconoscibile, grazie al frontale basso, a cuneo, lo spoiler posteriore, i cerchi da 17" e le fiancate muscolose. Saliamo a bordo. L'abitacolo è ampio: in 430 centimetri di lunghezza c'è ampio spazio e il divano posteriore può ospitare comodamente tre adulti. Il bagagliaio stupisce per capacità di carico: 477 litri che diventano 1378 abbattendo i sedili, volumi da station wagon. Molto intelligente il doppio fondo a scomparsa, unico appunto l'altezza della soglia che in caso di valige molto pesanti costringe a un po' di sollevamento pesi. Comoda la postazione di guida, anche grazie alla conformazione del sedile che sostiene molto bene in curva.

IN CITTA' - Si parte. In una città come Roma si apprezza subito una qualità, le sospensioni, che assorbono egregiamente dossi, cunette, buche e sampietrini vari. L'assetto non è "racing", ma la vita di tutti i giorni non è certo in pista. Il motore ai bassi regimi "ronfa" discreto ma si nota subito che la risposta è pronta. Ai semafori interviene il sempre utile start&stop e nelle manovre di parcheggio la telecamera posteriore e i sensori (entrambi di serie) facilitano notevolmente la vita, anche perché la visibilità garantita dal lunotto posteriore non è ottimale. Inoltre per la sicurezza propria e altrui, le nuove Civic sono inoltre dotate di Active City Brake, sistema di frenata automatica che interviene entro i 30 km di velocità in caso il radar rilevi un ostacolo (come un pedone o uno scooter) anteriore e il guidatore sia distratto.

FUORI CITTA' - In tangenziale è possibile schiacciare il pedale dell'acceleratore e la sensazione è che i 120 cavalli dell'i-DETC siano di più: 300 Nm di coppia garantiscono un'ottima ripresa e se lo scatto 0-100 in 10,5 secondi non è da supercar è comunque più che sufficiente per partenze brillanti. Ai medi regimi si nota che il consumo di carburante è ridotto: se non si esagera col gas si fanno 25 chilometri con un litro. Raggiungiamo l'autostrada e a 130 orari si apprezza la silenziosità dell'abitacolo, soprattutto in sesta. A proposito di marce il cambio è rapido e preciso e ben si adatta al nome Sport dell'allestimento. La guida è confortevole e il sistema di infotainment Honda Connect (compativile con smartphone Android) fornisce sul display da 7 pollici tutte le info sulla vettura e il navigatore (optional) Garmin. Durante le soste (solo a veicolo fermo) è inoltre possibile navigare in internet, funzione comodissima, ad esempio, per cercare un punto di interesse durante il viaggio. 
 
PERCHE' SI - Globalmente l'esperienza è stata più che positiva e il giudizio migliora guardando il listino: 25.800 euro per una versione (quasi) top di gamma (il range di prezzi varia dai 19.900 ai 27.800 euro), praticamente dotata di tutto, non sono tanti, considerando anche le qualità costruttive del modello, lo spazio, l'affidabilità e la grinta di un motore efficiente, vigoroso e, ribadiamo, parco nei consumi. Un'auto duttile, adatta alle famiglie o anche a chi cerca un tocco di personalità e sportività a prezzi non esorbitanti. 
 

Tutte le notizie di News Motori

Approfondimenti

Commenti