Motori

Due Ruote
Honda Civic, la prova - 3 cilindri possono bastare

Honda Civic, la prova - 3 cilindri possono bastare

Le motorizzazioni tra cui si può scegliere, per ora, sono due turbo benzina, un 1.0 3 cilindri da 129 CV e un 1.5 4 cilindri da 182 CV.twitta

venerdì 7 aprile 2017

 Alessandro Vai

TORINO - Poche auto al mondo hanno la storia e la longevità della Honda Civic, che ha debuttato nel 1972 e si è trasformata per nove generazioni, fino ad arrivare a quella attuale, oggetto della nostra prova, che è la decima. È stata progettata per essere venduta sul mercato globale senza particolari modifiche tra una variante e l’altra, anche se alcune carrozzerie sono disponibili solo in alcune zone, ad esempio la berlina tre volumi negli Stati Uniti. Le motorizzazioni tra cui si può scegliere, per ora, sono due turbo benzina, un 1.0 3 cilindri da 129 CV e un 1.5 4 cilindri da 182 CV. Il più piccolo dei due è quello oggetto della nostra prova

SCHEDA TECNICA

MOTORE - Per chi è cresciuto negli anni Novanta associare Honda con il V-Tec è praticamente naturale. L’urlo dei 4 cilindri aspirati che si spingevano fino a 8.000/9.000 giri rimarrà per sempre scolpito nelle nostre menti. Per questo motivo, salire su una nuova Civic, sentire il rumore del 3 cilindri e percepire l’erogazione tipica del motore turbo, sulle prime lascia abbastanza perplessi. Tuttavia, dopo aver depurato il cervello dai preconcetti, si scopre un propulsore che è perfetto per il traffico e l’uso quotidiano. C’è tantissima coppia ai medi regimi e anche a quelli bassi la spinta non manca. Quello che difetta è invece l’allungo ma chi si spinge oltre i 5.000 giri nella guida normale?

ASSETTO - Praticamente nessuno, anche se il cambio manuale a 6 marce di scuola giapponese, cioè con leva e corsa molto corta, risveglia spesso istinti di guida sportiva e scalate con doppietta.Ma niente paura, per eseguire numeri del genere c’è la poderosa Type-R da 320 CV che arriverà sul mercato tra qualche mese. L’essere dinamica, in ogni caso, è nel DNA della Civic e anche la tranquilla “mille” ha un aspetto abbastanza battagliero, caratterizzato dalle finte prese d’aria al paraurti posteriori, dallo spoiler ben visibile e dai cerchi in lega scuri da 18 pollici con pneumatici ultra-ribassati. A proposito di assetto, sull’esemplare in prova era montato anche quello elettronico regolabile, un optional solitamente riservato alle versioni sportive che testimonia quanto i giapponesi tengano al concetto di piacere di guida.

SPAZIO - E in questo campo la Civic eccelle, partendo dall’abc, cioè la posizione e l’ergonomia che sono perfetti. Le sospensioni, invece, sono un compromesso perfetto tra agilità, controllo e comfort, una messa a punto davvero azzeccata che ha pochi eguali. Anche lo spazio a bordo è ai vertici della categoria, così come il vano bagagli che sfiora i 500 litri e non potrebbe essere altrimenti con una lunghezza che supera di poco i 4,5 metri. Particolare e controcorrente, infine, la scelta del sistema di infotainment che nella grafica e nelle funzioni tradisce le sue origini “esterne” ma ha una grande velocità di esecuzione

Tags: hondaHonda Civic

Tutte le notizie di Prove

Approfondimenti

Commenti