Motori

Due Ruote
Hyundai i30 1.6 CRDi: la prova su strada

Hyundai i30 1.6 CRDi: la prova su strada

Ricca dotazione, abitacolo confortevole, consumi contenuti. La coreana mette nel mirino Astra, Golf e Mégane. Ma non chiedetele di correre troppo

twitta

lunedì 21 agosto 2017

 Francesco Colla

ROMA – Con una lunghezza di 4,34 metri, la nuova Hyundai i30 va a inserirsi nel segmento di Volkswagen Golf, Opel Astra e Renault Mégane. Presentandosi con una discreta dose di ambizione. Il listino parte da 18.900 euro (al netto delle promozioni), in linea con la concorrenza, offrendo però una dotazione molto completa, degna di un’auto di categoria superiore.

Già la versione di ingresso con motore benzina da 100 cv esce di serie con la frenata autonoma d’emergenza (AEB), sistema di mantenimento della corsia (LKAS), rilevamento della stanchezza del conducente (DAA), per la prima volta di serie su una Hyundai, cruise control, Bluetooth e comandi audio al volante, oltre alla radio con display da 5’ pollizi e prese Usb. 

La i30 1.6 CRDi da 136 cavalli in allestimento Style parte da 27.700 euro ma è equipaggiata con una tecnologia da segmento superiore. Vedi, ad esempio i sedili in pelle refrigerati, un di più impareggiabile quando si viaggia in autostrada con una temperatura esterna di 38°.

Se a questo aggiungiamo il display touchscreen da 8 pollici con navigatore e sistema di infotainment compatibile con Apple e Android, cerchi in lega da 17 pollici, fari Led e retrocamera si completa un panorama che profuma di “premium”. Specialmente facendo un ulteriore sforzo: con 1400 euro per il “leather pack” e altri mille per il tetto elettrico si porta a casa una piccola ammiraglia. 

Che fa apprezzare le sue doti già aprendo il bagagliaio, ampio e di facile accesso, nonché accomodandosi nell’abitacolo accogliente anche per cinque persone. L’abitacolo è inoltre assemblato con grande cura e trasmette un senso di solidità; tuttavia non avrebbe guastato qualche elemento cromato per rendere scenografica una plancia dal design estremamente sobrio.

La guida in città è confortevole grazie all’assetto e allo sterzo piuttosto morbidi, inoltre il motore diesel da 136 cv è ben affiatato col cambio automatico 7 rapporti. Nuova i30 dà subito confidenza e nell'extraurbano si può passare dalla modalità Eco a Sport per sfruttare al massimo la potenza. Tuttavia dal punto di vista della sportività i30 delude un po’: lo sterzo poco incisivo e il motore non esuberante non consentono una guida brillante. Per chi ama il divertimento meglio optare per la versione turbo-benzina da 140 cv o addirittura per quella da 275 cv ispirata alla vettura che corre nel Mondiale Rally. Ottima compagna di viaggio, i30 si distingue invece per la silenziosità dell’abitacolo anche quando si viaggia in autostrada e i consumi piuttosto contenuti. 

HYUNDAI i30: LA GAMMA E I PREZZI

Tags: Hyundai i30hyundai

Tutte le notizie di Prove

Approfondimenti

Commenti