Motori

Due Ruote

A confronto: Jaguar E-Pace vs Jeep Compass

I SUV di segmento medio (C) sono tra i più apprezzati dalla clientela che predilige questo genere di vettura. Di dimensioni contenute ma con tanto spazio interno, infatti, offrono comfort e allo stesso tempo anche una certa facilità nel trovare parcheggio. A confronto in questa categoria la nuovissima Jaguar E-Pace con la rinnovata Compass di Casa Jeep.twitta

martedì 13 marzo 2018

2 di 5

 

A confronto: Jaguar E-Pace vs Jeep Compass

ESTETICAMENTE


Linee filanti e accattivanti all'esterno, con un posteriore muscoloso e con un cofano scolpito che scende verso un 'muso' che colpisce e intimorisce le avversarie, con le luci diurne LED che gli danno una linea filante. La vernice metallizzata Santorini Black, le rende merito, nel giusto mix tra sportività ed eleganza. Il bagagliaio con apertura e chiusura automatica (sia con il pulsante sotto e dentro il portellone che con il telecomando in dotazione) ha una capacità di 577 litri che diventano 1234 se si abbattono i sedili posteriori. Davvero carina la luce di cortesia degli specchietti retrovisori che proiettano a terra la scritta Jaguar e l'immagine di un giaguaro adulto seguito da un cucciolo. 

A confronto: Jaguar E-Pace vs Jeep Compass

Il Suv americano, prodotto in Messico, è lungo 4,39 metri e si colloca a metà strada tra la più piccola Renegade e l’imponente Grand Cherokee che invece misura 43 centimetri in più. Inclusi gli specchietti, è larga 1,82 metri, mentre grazie al suo metro e 63 centimetri di altezza, la posizione di guida è rialzata e garantisce una buona visibilità. Come ogni Jeep, l’anteriore si distingue per le tipiche sette feritoie verticali delle prese d’aria che si allungano fino ai gruppi ottici. Sull’esemplare in prova, le luci diurne sono corredate da una fascia di illuminazione Led, mentre i fari bi-Xenon al calar del sole si accendono in automatico. La carrozzeria è valorizzata da una modanatura cromata che avvolge il profilo dei finestrini e il posteriore, conferendo all’auto un aspetto più sofisticato. Il dettaglio cromato si ritrova anche nel paraurti anteriore e nelle barre portapacchi, che per l’allestimento Limited sono di serie, mentre non lo è il tettuccio elettrico panoramico con tendina parasole, un optional che costa 1.500 euro in più. Elettrici sono anche gli specchietti retrovisori, riscaldati e con luci di cortesia. Infine i cerchi sono in lega da 19 pollici con pneumatici 235/45, un dettaglio che incide per 600 euro rispetto a quelli da 18 che sono previsti sull’allestimento Limited.

2 di 5
Tutte le notizie di Prove

Approfondimenti

Commenti