Motori

Due Ruote
Toyota C-HR, il SUV compatto, coupé e ibrido

Toyota C-HR, il SUV compatto, coupé e ibrido

Premiere mondiale al Salone di Ginevra 2016 per l'inedita sport utility compatta che arriverà sul mercato anche in versione ibrida entro la fine dell'anno. twitta

giovedì 3 marzo 2016

di Francesco Colla

GINEVRA - Verrà prodotto nell'impianto di Sakarya, in Turchia sulla base della nuova piattaforma globale Toyota (TNGA), già adottata per l’ultima generazione di Prius: ecco l'inedita C-HR, sport utility compatta figlia dei concept presentati nel 2014 a Parigi e nel 2015 a Francoforte e che arriverà sul mercato italiano entro la fine dell'anno dopo il debutto a Ginevra lo scorso 1° marzo.

 

 

URBAN WARRIOR IBRIDO - Il design è deciso e innovativo: alcuni elementi ricordano i nuovi stilemi Toyota già visti sulla sorella maggiore RAV4, ma abbinati a una marcata vocazione da coupé.  CH-R non passa inosservata e si propone come una crossover lunga 4,35 metri pensata principalmente per una clientela urbana. Il modello sarà disponibile col motore 1.8 benzina VVT-i a ciclo Atkinson abbinato a propulsore elettrico: il powertrain ibrido è in grado di erogare 122 cavalli ed emissioni di CO2 inferiori ai 90 g/km. In alternativa, la crossover sarà disponibile anche nella versione con il propulsore 1.2 turbo da 115 cv abbinabile anche alla trazione integrale

SICUREZZA DI SERIE - In linea con la strategia Toyota di rendere disponibile a tutti i sistemi di sicurezza più avanzati, C-HR verrà equipaggiata con dispositivi normalmente riservati a modelli di segmento superiore del pacchetto Safety Sense, comprendente di serie Pre-Collision system (anche con riconoscimento pedoni), Lane Departure Alert (che avverte in caso di scavallamento di corsia involontario), Road Sign Assist (che riconosce i segnali stradali)e Adaptive Cruise Control (cruise control adattivo che adegua la propria velocità in abse a quella del veicolo precdente). 

Tags: Toyota C-HRToyotaSalone di Ginevra

Tutte le notizie di Salone di Ginevra

Approfondimenti

Commenti