Motori

Due Ruote
Seat Ateca X-Perience, l'avventura è il suo lavoro

Seat Ateca X-Perience, l'avventura è il suo lavoro

La Ateca diventa X-Perience, ampliando la gamma del primo SUV della storia Seattwitta

domenica 25 settembre 2016

di Alessandro Vai

ROMA - La Ateca diventa X-Perience, ampliando la gamma del primo SUV della storia Seat e andando oltre lo stile prettamente urbano per abbracciare il mondo dell’avventura. Al centro della plancia c’è il classico tasto dei drive profile, mentre sul tunnel centrale, appena dietro al cambio, si trova il selettore driving experience che regola tutti i parametri dell’auto per le diverse situazioni della guida in fuoristrada, compresi due profili addizionali per la neve e il fuoristrada, insieme alla funzione Hill Descent Control. La trazione, ovviamente, è integrale, con il sistema Haldex comune a molti altri modelli del Gruppo Volkswagen: il retrotreno entra in gioco non appena viene rilevata la minima perdita di aderenza.

Secondo Seat l’utilizzatore della Ateca guida per il 95% del proprio tempo sull’asfalto e il restante 5% in fuoristrada o sulla neve. Con la X-Perience, invece, queste proporzioni cambieranno, con un 75% di uso su strada e 25% fuoristrada. Per questo i cerchi in lega da 18 pollici ospitano pneumatici dalla spalla consistente e per lo stesso motivo la carrozzeria ha delle protezioni utili nell’offroad: le modanature nere dei passaruota, la protezione del battitacco e la vernice antigraffio. A questo si aggiungono dettagli come i mancorrenti cromati sul tetto, lo spoiler e i parafanghi montati al posteriore, senza dimenticare gli “scivoli” posti sotto ai paraurti.

L’interno è caratterizzato dalle luci ambiente a LED, mentre colori come il caffè e il verde richiamano le tonalità della terra e dei boschi, con le cuciture arancio su volante, sedili e leva del cambio. I sedili sportivi sono rifiniti in pelle scamosciata, mentre le placche di alluminio dei battitacco anteriori sono personalizzate con il logo X-Perience. Sul volante inoltre è presente la sigla “XP” e aprendo il bagagliaio è visibile una striscia cromata sul fondo, proprio come nella Leon X-Perience. Sotto il cofano c’è il propulsore top di gamma, il 2.0 TDI da 190 CV con 400 Nm di coppia abbinato al cambio DSG doppia frizione a sette rapporti con leve al volante.

Inoltre, la Ateca X-Perience ha una completa gamma di sistemi di assistenza alla guida: il traffic jam assist che coordina il lavoro del lane Assist e il sistema adaptive cruise control; il front assist, cioè il freno di emergenza in grado di riconoscere ostacoli e pedoni; il sistema di riconoscimento dei segnali stradali e il sistema di monitoraggio dell’angolo cieco; il rear traffic alert, una telecamera a 360° con vista dall’alto e l’assistente di parcheggio per posteggi in parallelo o perpendicolari alla carreggiata. Quanto all’infotainment, la Ateca X-Perience ha un display touch da 8 pollici che supporta i protocolli easy connect e full link, ma anche la ricarica wireless.

Tags: seatSeat Ateca

Tutte le notizie di Salone di Parigi

Approfondimenti

Commenti