Tech Zone

Opel Crossland X: il fascino del fattore X è mini

Opel Crossland X: il fascino del fattore X è mini

Arriva l’erede della Meriva: posizione di guida rialzata e ampi interni in appena 4.21 metri per un grande piacere di guidatwitta

venerdì 19 maggio 2017

 Giorgio Pasini

Il successo della Mokka? Opel lo cavalca a modo suo, ovvero raddoppiando la presenza della nuova famiglia X nel segmento B con Crossland X, l’erede della monovolume Meriva declinata nel sempre più richiesto (vendita quintuplicate dal 2010) pianeta dei crossover. E a fine anno arriverà anche la declinazione compatta, la Grandland X. Una scelta che Opel sta affrontando in forte sinergia col Gruppo PSA, che sta acquistando il marchio tedesco. «La domanda di SUV e crossover di piccole dimensioni, studiati su misura per il traffico urbano, cresce in modo significativo - dichiara Karl-Thomas Neumann, presidente Opel -. Crossland X con il suo stile affascinante, il design ispirato ai SUV, l’eccellente connettività e l’elevata praticità è un altro esclusivo modello in questa categoria che va ad affiancarsi allo sportivo Mokka X. Crossland X è una vettura agile, che assicura un elevato piacere di guida in linea con lo stile di vita urbano, ed è pertanto il veicolo perfetto per la città e le gite in campagna».

Che misure. Bastano alcuni numeri per rendersene conto. Intanto le dimensioni ridotte: 4.21 metri, ovvero 10 centimetri in meno rispetto alla Astra, gli stessi però in più in altezza (1.6 metri), che garantiscono una posizione di guida rialzata e quindi comoda. La larghezza invece è di larghezza di 1.82 metri. Sbaglia però chi pensa che queste significhino scomodità. La Crossland X dentro infatti è decisamente ampia e offre un comfort notevole anche grazie alla gestione dei sedili posteriori, che (a richiesta) possono scorrere avanti e indietro anche separatamente 40/60) di 15 centimetri e abbattuti individualmente. Una caratteristica che aumenta lo spazio per le gambe dei passeggeri, ma anche (all’opposto) quello del bagagliaio che di base offre una capacità di 410 litri, ma che può arrivare fino a 520, per un volume totale di 1.255 litri con l’abbattimento dell’intera fila posteriore.

Tetto bicolore. Anche esternamente Crossland X attira l’attenzione. Linee nette e tetto bicolore in tinte di tendenza sullo stile di Adam, come anche gruppi ottici anteriori full Led (a richiesta) e le abbondanti protezioni sottoscocca rendono il nuovo crossover Opel decisamente fascinoso. Le motorizzazioni sono di derivazione Peugeot: tre benzina 1.2, con un aspirato da 82 cavalli e due turbo declinati in 110 e 130 cv, e due turbodiesel 1.6, anch questi con due potenze (99 e 120 cv), disponibili anche con la trasmissione automatica. Notevole, come da tradizione e da politica della nuova Opel, l’utilizzo della tecnologia a bordo. A parte la connettività con hotspot Wi-Fi che supporta fino a 7 dispositivi, Open OnStar, ricarica wireless (ma ci sono anche diverse prese USB), con la Crossland X si possono avere l’head up display e la telecamera posteriore panoramica da 180 gradi, un sistema avanzato di assistenza al parcheggio (in grado anche di far uscire la vettura dalla propria posizione: il guidatore deve solo utilizzare i pedali), l’avviso di pre-collisione, il sistema di rilevamento dei pedoni con frenata automatica di emergenza, il sistema di rilevamento stanchezza guidatore, l’avviso di superamento della corsia di marcia, il riconoscimento dei limiti di velocità e il sistema di avviso angolo cieco laterale. Cosa volere di più? Un prezzo altrettanto mini e attraente. Così dal 10 giugno Opel venderà Crossland X nei propri concessionari con un prezzo di lancio di 14.900 euro per il 1.2 Advance. Poi si andrà dai 16.950 per il 1.2 benzina da 82 cv ai 23.450 per il 1.6 diesel da 120 cv più accessoriato.

Tags: Opel Crossland XOpel

Tutte le notizie di Tech Zone

Approfondimenti

Commenti