Storica Goggia: la discesa libera femminile è d'oro
© www.imagephotoagency.it

Storica Goggia: la discesa libera femminile è d'oro

L'azzurra vince davanti a Mowinckel e Vonn e regala all'Italia il primo titolo in questa disciplina ai Giochi. Si tratta della 40ª medaglia d'oro per l'Italia ai Giochi invernalitwitta

mercoledì 21 febbraio 2018

PYEONGCHANG - Fantastica Sofia Goggia: l'azzurra è più forte della pressione e delle sue avversarie e regala all'Italia il suo primo storico oro nella discesa libera femminile. Un traguardo che neanche Isolde Kostner era mai riuscita a raggiungere. 


UN ORO STORICO - L'azzurra, che ha consegnato anche la medaglia d'oro numero 40 all'Italia nella storia delle Olimpiadi invernali, ci è riuscita sulla pista di Jeongseon, grazie a una gara vicina alla perfezione, nella quale, chiudendo in 1'39"22, ha battuto prima la pressione per essere (insieme all'americana Vonn) la favorita della gara, poi tutte le avversarie. A cominciare da Lindsey Vonn, bronzo a 47 centesimi dalla Goggia: per lei si tratta della terza medaglia olimpica dopo l'oro e il bronzo vinti a Vancouver 2010.



MOWINCKEL VICINISSIMA - Ma a far tremare davvero l'azzurra è stata la norvegese Ragnhild Mowinckel che, partita con il pettorale numero 19, ha fatto gara sul filo dei centesimi con la nostra per tutta la discesa, prima di arrendersi per appena 9 centesimi, conquistando così il suo secondo argento dopo quello del gigante. L'Italia conquista così il terzo oro di queste Olimpiadi di PyeongChang (dopo quelli di Fontana e Moioli), che iniziano a diventare davvero importanti per i colori azzurri. Male, invece, le altre tre azzurre, Fanchini, Brignone e Delago, tutte e tre fuori dal tracciato.


L'ITALIA DELL'ALPINO RIPARTE - L’Italia torna così a vincere una medaglia d’oro nello sci alpino femminile 16 anni dopo l’ultima, vinta da Daniela Ceccarelli in SuperG a Salt Lake City il 17 febbraio 2002. Sono invece quasi otto gli anni trascorsi dall’ultimo oro assoluto nello sci alpino, vinto da Giuliano Razzoli in Slalom a Vancouver il 27 febbraio 2010. Quello che, fino al titolo vinto dalla Fontana, era addirittura l'ultimo oro azzurro nella storia dei Giochi invernali.


PATTINAGGIO DI FIGURA – INDIVIDUALE FEMMINILE – PROGRAMMA CORTO - Evgenija Medvedeva (OAR) stabilisce il nuovo record del mondo con 81,61 ma poco dopo la connazionale (e compagna di allenamenti) Alina Zagitova le strappa il primato con 82,92. Al terzo posto la canadese Kaetlyn Osmond con 78,87. L'azzurra Carolina Kostner chiude sesta con 73,15 (35.06 di elementi tecnici e 38.09 di componenti del programma). Non disputerà la gara di libero, invece, Giada Russo che ha concluso l'esercizio al 27° posto con 50.88 punti (25.90 di elementi tecnici e 25.98 di componenti del programma).


SNOWBOARD – QUALIFICAZIONI BIG AIR - Alberto Maffei chiude 12° nella sua batteria e non accede alla finale. Qualificazioni dominate dal neozelandese Carlos Garcia Knight con 97,50 su 100.


FREESTYLE – SKI CROSS - Il canadese Brady Leman ha vinto l'oro nel freestyle skicross olimpico. Argento allo svizzero Marc Bischofberger, bronzo al russo Sergey Ridzik. Stefan Thanei e Siegmar Klotz, gli unici due azzurri in gara, erano stati eliminati agli ottavi di finale, entrambi terzi nelle proprie batterie (passavano i primi due).


HOCKEY GHIACCIO – QUARTI DI FINALE MASCHILI - REPUBBLICA CECA-STATI UNITI 3-2 ai rigori
La Repubblica Ceca invece non accedeva alla semifinale dall’edizione 2006 (vinse poi il bronzo), ci ritorna dunque a distanza di 12 anni. Gli Usa invece non trovano l’accesso alla semifinale per la prima volta dall’edizione 2006.


CURLING FEMMINILE - Vittorie per Svizzera, Gran Bretagna, Svezia e Corea del Sud. Le ultime tre sono già certe del passaggio alle semifinali. Alle 12.05 italiane le ultime partite con Giappone e Stati Uniti a giocarsi l’accesso diretto alle semifinali.

Tags: olimpiadi invernaliPyeongchangGoggiaItalia

Tutte le notizie di Olimpiadi Invernali

Approfondimenti

Commenti