Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Doping, Russia: «Nessun atleta ha restituito le medaglie»
© EPA

Doping, Russia: «Nessun atleta ha restituito le medaglie»

Lo ha dichiarato il presidente del comitato olimpico russo. I 'medagliati' hanno affermato di voler aspettare l'esito dell'appellotwitta

giovedì 2 febbraio 2017

TORINO - La questione doping-Russia si complica. Dopo l'ammissione, a tratti smentita dal presidente Putin, che dietro le tristi vicende olimpiche ci fosse un'operazione di dopaggio di cui il governo fosse all'oscuro, Akexander Zhukov, presidente del comitato olimpico russo, ha fatto sapere che nessun atleta ha finora restituito le medaglie olimpiche vinte e poi tolte dal Cio. Sono in totale 18 i 'medagliati' russi che devono restituire quanto conquistato illecitamente, e a questi vanno aggiunti i componenti delle staffette squalificate per la positività di un singolo componente. Nessuno di loro, dopati e non, ha finora restituito le medaglie, e alcuni di loro hanno fatto sapere di aver deciso così "in attesa dell'esito dell'appello". Notizie diverse arrivano dal Kazakhstan che oggi ha fatto sapere di aver restituito due medaglie, entrambe d'oro, delle otto in totale.

RUSSIA ESCLUSA DALLE PARALIMPIADI DEL 2018

Tags: DopingRussiaOlimpiadi

Tutte le notizie di Olimpiadi

Approfondimenti

Commenti