Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Volley: Novara batte ancora Conegliano e brinda in Coppa
© Legavolley Femminile/Rubin

Volley: Novara batte ancora Conegliano e brinda in Coppa

Nella finale del PalaDozza le ragazze di Barbolini bissano il risultato già centrato nella Supercoppa e si portano a casa il secondo trofeo della stagione. Finisce 3-1 (25-17 14-25 25-21 25-23). Paola Egonu MVP del match
twitta

domenica 18 febbraio 2018

BOLOGNA- Dopo lo Scudetto della scorsa primavera e la Supercoppa Italiana di inizio novembre, la Igor Gorgonzola Novara infila un fantastico tris conquistando a Bologna la 40^ Samsung Galaxy A Coppa Italia di Serie A1 Femminile.

In uno scenario semplicemente pazzesco – il PalaDozza è stracolmo (5000 spettatori) e caldissimo – le azzurre di Massimo Barbolini superano per 3-1 l’Imoco Volley Conegliano, già battuta proprio in Supercoppa, grazie a una prestazione perfetta. Avvio a doppia velocità, un passaggio a vuoto nel secondo set, quindi due set conclusivi giocati senza paura, sfruttando tutto l’arsenale offensivo a disposizione: Egonu realizza 25 punti (fanno 60 totali in due partite), Plak ne aggiunge 13, Enright dalla panchina è ancora determinante e ne infila 10.

La serata bolognese consacra Chirichella, ribadisce la classe di Skorupa e Gibbemeyer, sottolinea l’importanza di Bonifacio, Vasilantonaki e Zannoni, premia Camera. E celebra Sansonna, alla quarta Coppa Italia personale, la regina Piccinini e coach Barbolini, due leggende viventi della pallavolo italiana. Le gialloblù di Daniele Santarelli offrono una prestazione sottotono in alcuni frangenti, incapace di dare seguito alla scossa del secondo set. E perdono lo scettro che avevano conquistato a Firenze.

Il confronto tra piemontesi e venete proseguirà per tutta la stagione, tra Samsung Galaxy Volley Cup e Champions League. Lo spettacolo, insomma, è appena iniziato.

La cronaca. Coach Santarelli ripropone la stessa formazione di sabato, con Melandri e Danesi al centro, Fabris opposta a Wolosz, Bricio e Hill in banda e De Gennaro libero. Anche coach Barbolini conferma lo starting six della semifinale con Egonu opposta a Skorupa, Piccinini e Plak in posto quattro, Chirichella e Gibbemeyer al centro e Sansonna libero

L’ace di Bricio apre la contesa, l’attacco di Hill vale 6-4. L’ace di Egonu pareggia a quota 7. Altro servizio vincente della messicana, 10-8. Celeste Plak ricuce 12-12, quindi Egonu supera 13-15 e Santarelli ricorre al time out. Melandri mura Piccinini ed è 16-17. La Igor difende alla grande, sull’ingresso di Vasilantonaki le azzurre costruiscono un parziale importante: muro e attacco della greca, 16-22. L’assolo novarese non si ferma, tra le gialloblù entrano Bechis e Nicoletti, con una Egonu da 8 punti nel parziale finisce 17-25.

Reazione veemente dell’Imoco in avvio di secondo set, Wolosz dà fiducia a tutte le sue attaccanti ed è 6-1. Volo di De Gennaro, contrattacco di Fabris e 13-6: Barbolini costretto a chiamare time out. C’è Bonifacio in campo al posto di Gibbemeyer, suo il primo tempo del -6. Due bordate di Hill non contenute dal muro, Conegliano scappa 16-7. Il margine di vantaggio è rassicurante, nonostante i tentativi di Egonu. Si vede anche Folie nel finale di set (20-11), poi Nicoletti con De Kruijf. Con la centrale olandese il punteggio si fissa sul 23-13. Ancora meravigliosa De Gennaro sul set point, attacco da seconda linea e 25-14.

Dopo due set pressoché a senso unico, il terzo è all’insegna dell’equilibrio. La Igor mette la testa avanti, l’Imoco prova a rientrare con il muro (7-8). L’occasione del pari arriva presto e Fabris la sfrutta per l’11-11. Le azzurre non si scompongono e prima mantengono la parità con il primo tempo di Chirichella (13-13), quindi grazie all’intelligente tocco di Enright scappano 15-17. Hill fallisce la pipe e 17-20. Bechis in campo, non s’intende con le compagne ed Egonu ne approfitta per il contrattacco praticamente senza muro per il 18-21. Passaggio a vuoto delle pantere, pronta Chirichella con la slash del 19-23. Enright sente profumo di pantera e dà il suo meglio, due attacchi vincenti per il 21-25 e Novara torna avanti.

Le azzurre sembrano più ‘dentro’ la partita ora e sfruttano il momento positivo per scavare un piccolo solco anche nel quarto. Invasione dell’attacco gialloblù, pezzo di bravura di Plak e 7-10. Hill tra le mani del muro e -1 Imoco (9-10). Ancora +3 Igor sul nuovo tracciante di Plak, non passa Hill e 10-14. Doppio cambio chiamato da Santarelli, con Nicoletti e De Kruijf dentro per Fabris e Folie. Diagonale strettissima di Enright e 11-15. Il servizio flottante di Hill fa male, l’Imoco rientra 14-15. Fuori il bagher di appoggio di Sansonna, cattiva ricezione di Enright e c’è il sorpasso 17-16. Danesi mura Egonu, 19-18. La quale si rifà immediatamente e pareggia tirando a tutto braccio e poi accarezzando il pallone: 20-20. Salva Chirichella, pezzo di bravura di Enright e sorpasso 21-22. Tensione altissima, De Kruijf impatta. Muro di Enright su Fabris al termine di uno scambio da brividi: 22-23 e time out Imoco. Bricio non trema e spedisce all’incrocio delle righe. La portoricana non sbaglia una palla, 23-24 e match point. Attacca Egonu, ma non basta. Arriva Plak e mette giù il punto dell’apoteosi azzurra.

LE PROTAGONISTE-

Paola Egonu (Igor Gorgonzola Novara)- « Non me lo aspettavo, sono molto felice perché era un obiettivo che volevamo fortemente. Ho giocato bene a muro ? è un fondamentale sul quale ci sto lavorando. Ora guardiamo avanti dobbiamo onorare campionato e Champions, siamo pronte a batterci su tutti i fronti ».

Cristina Chirichella (Igor Gorgonzola Novara)-« Abbiamo fatto una vera impresa superando nel corso della partita momenti difficili, devo dire che siamo state veramente brave. Sono felice, devo ringraziare questa società che ci segue e ci mette nelle condizioni di rendere al meglio ».

Francesca Piccinini (Igor Gorgonzola Novara)- « Bellissimo vincere qui, abbiamo disputato una partita molto bella, siamo state lucide e continue. Grinta e derteminazione ci hanno postato alla vittoria, qualità che forse sono mancate alle nostre avversarie. Stasera possiamo dire di essere la bestia nera di Conegliano ».

Monica De Gennaro (Imoco Conegliano)-  « Stasera abbiamo a volte avuto troppa fretta di far punto, abbiamo sprecato molto in attacco. Comunque brava Novara ma la stagione è ancora lunga, in campionato siamo davanti, vogliamo e dobbiamo rifarci ».

IL TABELLINO-

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – IGOR GORGONZOLA NOVARA 1-3 (17-25 25-14 21-25 23-25)

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Wolosz 1, Bricio 14, Danesi 6, Fabris 19, Hill 16, Melandri, De Gennaro (L), De Kruijf 6, Nicoletti 1, Folie 1, Bechis, Cella. Non entrate: Lee, Fiori. All. Santarelli.

IGOR GORGONZOLA NOVARA: Piccinini, Gibbemeyer, Skorupa, Plak 13, Chirichella 9, Egonu 25, Sansonna (L), Enright 10, Vasilantonaki 3, Bonifacio 2, Zannoni. Non entrate: Camera. All. Barbolini.

ARBITRI: Saltalippi, Santi.

NOTE – Spettatori: 5007, Durata set: 21′, 21′, 27′, 28′ ; Tot: 97′.

 


Tags: A1 femminilecoppa italiaImocoIgor GorgonzolaEgonuPiccininiChirichellaDe Gennaro

Tutte le notizie di Coppe

Approfondimenti

Commenti