Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Volley: Champions League, Perugia e Civitanova volano a Kazan per la Final Four
0

Volley: Champions League, Perugia e Civitanova volano a Kazan per la Final Four

Le due formazioni sabato e domenica giocheranno per conquistare l'Europa. In semifinale gli umbri sfideranno i padroni di casa dello Zenit, i cucinieri si misureranno con i polacchi dello Zaksa Kedzierzyn

mercoledì 9 maggio 2018

KAZAN (RUSSIA)- E' iniziato il contdown per la Final Four della Champions League 2018 che, sabato 12 e domenica 13 maggio vedrà protagoniste, a Kazan in Russia, due formazioni italiane: i neo Campioni d'Italia della Sir Safety Perugia e la Lube Cucine Civitanova.

Le partite che assegneranno il massimo trofeo europeo si giocheranno al Basket-Hall di Kazan, struttura che può ospitare fino a 7000 spettatori situata nel centro della città capitale della Repubblica del Tatarstan, in Russia.

Sir Colussi Sicoma Perugia e Cucine Lube Civitanova non solo hanno chiuso la stagione 2017/18 da dominatrici della scena italiana (finaliste in Del Monte® Supercoppa e Del Monte® Coppa Italia, primo e secondo posto in Regular Season e quindi finaliste Scudetto) ma vantano anche un posto tra le big della ribalta europea, ed hanno un importante conto ancora da chiedere al massimo trofeo continentale. Già, perché anche se la Sir Colussi non ha ancora finito di festeggiare la conquista del primo storico Tricolore, non ha però cancellato gli echi della Finalissima persa a Roma contro i Campioni in carica dello Zenit Kazan, che quest’anno ritroverà subito in Semifinale: conquistare il primo ambitissimo titolo europeo nell’anno del triplete umbro è un appuntamento con la storia a cui gli uomini di Bernardi non vogliono mancare. È caccia al primo sigillo continentale, inoltre, per la maggior parte dei protagonisti tricolore: la vittoria in Champions League svetta infatti unicamente nel palmarès degli ex trentini Massimo Colaci (2011) e Dore Della Lunga (2011 e 2009).

Dal canto suo la Cucine Lube Civitanova, guerriera sino alla fine della splendida cavalcata allo Scudetto 2018, sarà impegnata in Semifinale contro la formazione polacca dello Zaksa Kedzierzyn-Kozle, ed ha l’opportunità di bissare la vittoria dello storico trofeo conquistato nel 2002 e invertire la rotta che la vede da due stagioni consecutive sul gradino più basso del podio, dopo le eliminazioni in Semifinale per mano delle “colleghe” italiane Trento nel 2016 (cucinieri vittoriosi poi del bronzo contro l’Asseco Resovia Rzeszow) e ancora Perugia nel 2017 (terzo posto Lube ottenuto contro il Berlin Recycling Volleys). La bacheca europea biancorossa vanta, oltre alla Champions vinta sedici anni fa, anche 3 CEV Cup (2001, 2005 e 2006) e 1 Challenge Cup (2011), ed ha in Tsvetan Sokolov e Osmany Juantorena gli esclusivisti della medaglia d’oro nella competizione, grazie alle due Champions League del 2010 e 2011 vinte durante la militanza a Trento.

Le due formazioni, che avranno al seguito l’apporto di molti tifosi in partenza da Perugia e Civitanova, non saranno avversarie in Semifinale in questa edizione: resta così aperta l’opportunità di un confronto tutto italiano in quella che sarebbe la quarta Finale tricolore in terra straniera della competizione, nel caso entrambe le nostre portabandiera superassero con una vittoria la prima insidiosa giornata di gare (possibilità introdotta nuovamente dalla CEV dalla scorsa stagione). In tempi passati, quando la denominazione era ancora Coppa Campioni sono state tre le Finali tra due squadre italiane: per due stagioni consecutive 1992/93 e 1993/94 Ravenna e Parma si sono contese il trofeo all’ultimo atto (al Pireo e Bruxelles) con vittoria dei romagnoli in entrambe le edizioni. Quindi l’anno successivo 1994/95 fu Treviso a spodestare Ravenna nella Finale di Vienna.

L’ouverture è affidata alla Cucine Lube Civitanova che scenderà in campo sabato 12 maggio alle ore 15.00 italiane (diretta Fox Sports Plus) contro lo Zaksa Kedzierzyn-Kozle, formazione guidata dall’italiano Andrea Gardini (storico capitano dell’Italia che negli anni novanta vinse tutto tranne le Olimpiadi). La prima sfida europea vede avversarie le squadre seconde classificate nei rispettivi campionati nazionali conclusi, tra l’altro, con la perdita per entrambe del titolo, ceduto in Polonia al PGE Skra Belchatow (dell’italiano Roberto Piazza che ha detronizzato lo Zaksa dopo due stagioni consecutive) e a Perugia. Sono tanti i nomi noti nel roster polacco: dal palleggiatore francese Toniutti, all’opposto portoricano Torres (entrambi ex Ravenna), fino allo schiacciatore belga Deroo (ex Modena e Verona) ed al secondo regista Falaschi. Presenti in rosa anche il libero Campione del Mondo 2014 con la Polonia Zatorski ed il centrale della nazionale Wisnieski.

A seguire, in programma dalle 18.00 italiane (diretta Fox Sports Plus) il confronto tra Sir Colussi Sicoma Perugia ed i padroni di casa dello Zenit Kazan, entrambi freschi di vittoria nei rispettivi campionati nazionali. La corazzata russa (Club organizzatore dell’atto finale della competizione) guidata da Alekno e dall’assistente italiano Tomaso Totolo, non ha ormai bisogno di presentazioni (con i bomber Leon e Anderson in vetrina, ma anche l’opposto Mikhailov MVP della Finale di Roma) e ha da poco vinto il suo decimo Scudetto, il quinto consecutivo (chiudendo la serie 3-0 ai danni della competitor San Pietroburgo), oltre ad essere da tre stagioni consecutive medaglia d’oro in Champions League e ad aver vinto a dicembre scorso anche il Mondiale per Club, battendo in Finale la Cucine Lube Civitanova. Se da un lato, con un bottino di 235 punti, l’opposto perugino Aleksandar Atanasijevic è il capocannoniere della Champions League in questa stagione, con quasi 60 punti di vantaggio su Maurice Torres (176), dall’altro un eventuale quarto titolo consecutivo di Kazan porterebbe Maxim Mikhailov a diventare l’unico giocatore con cinque titoli in Champions (record di quattro attualmente condiviso con Sergey Tetyukhin, Vladislav Babichev e Alexander Kosarev).

Domenica 13 maggio spazio alle Finali per il 3°/4° posto alle 15.00 (italiane) e la Finalissima a seguire alle 18.00 (italiane). Entrambi i match saranno in diretta su Fox Sports Plus.

CIVITANOVA IN CHAMPIONS LEAGUE-

Cucine Lube Civitanova. È alla terza Final Four consecutiva, sesta complessiva (Opole 2002, Mosca 2007, Praga 2009, Cracovia 2016, Roma 2017, Kazan 2018) sulle dodici edizioni disputate, che vedono la Lube da sette stagioni di fila grande protagonista della ribalta europea. Un trofeo nella bacheca marchigiana vinto ad Opole in Polonia nel 2002, all’esordio assoluto nella competizione. Dopo quel successo, i migliori risultati conseguiti nella massima competizione europea sono stati nell’ordine: due piazzamenti al terzo posto nel 2017 e 2016 (Finale 3°/4° vinta a Roma contro il Berlin Recycling Volleys e a Krakow contro l’Asseco Resovia Rzeszow), dopo l’eliminazione in Semifinale per mano rispettivamente di Perugia e Trento, e due piazzamenti al quarto posto nel 2007 e 2009 (Finale 3°/4° posto persa contro Dinamo Moscow contro Iskra Odintsovo) quando la Lube incontrò nuovamente in Semifinale Trento, che la eliminò dalla corsa verso la Finale per 3-0. Da allora (tranne la mancata partecipazione nella stagione 2010-11 che vide il trionfo marchigiano in Challenge Cup), i biancorossi sono usciti tre volte nella fase dei PlayOffs 12 (2009-10 dal Bled, 2013-14 da Piacenza e 2014-15 da Belchatow), 2 volte ai PlayOffs 6 (2012-13 da Cuneo e 2011-12 da Trento).

Il percorso della Cucine Lube Civitanova nella stagione 2017-18: direttamente inserita nella Fase a Pool fra le 12 teste di serie, i cucinieri chiudono al secondo posto la classifica della Pool A, dietro a Perugia, unica formazione in grado di batterli nel girone. Quindi PlayOffs 12 e PlayOffs 6 sul velluto, con la Lube vittoriosa nel doppio confronto contro i polacchi di Belchatow e nelle due sfide del derby italiano contro la Trentino Diatec, valse la qualificazione.

L’AVVERSARIA-

Zaksa Kedzierzyn-Kozle (POL): alla 4a partecipazione alla Final Four di Champions League (l’ultima datata 2013 vide i polacchi perdere in Semifinale con la Bre Banca Lannutti Cuneo), la squadra guidata dal Campione del Mondo Andrea Gardini ha chiuso da capolista la Pool E, con gli stessi punti della Trentino Diatec. In Champions League il miglior risultato di sempre del sodalizio fondato nel 1947 è il terzo posto ottenuto nella Final Four 2003 al Forum di Assago a Milano, dove venne sconfitta in Semifinale dalla Kerakoll Modena, per poi guadagnare il bronzo contro il Paris Volley. Nella passata stagione, alla decima partecipazione nel massimo torneo continentale, finì la corsa nei PlayOffs 12 contro i russi del Belgorod.

PERUGIA IN CHAMPIONS LEAGUE-

Sir Colussi Sicoma Perugia. È la seconda partecipazione alla Final Four di Champions League su tre edizioni disputate e gli umbri inseguono il primo trofeo di sempre. All’esordio nella competizione, nell’edizione 2014-2015, Perugia viene eliminata ai PlayOffs 6 per mano dei polacchi del PGE Skra Belchatow. La scorsa stagione, dopo aver dominato la Pool E, la Sir organizza la manifestazione al PalaLottomatica di Roma e supera al tie break in Semifinale la Cucine Lube Civitanova, venendo poi sconfitta nella Finalissima dallo Zenit Kazan, che conquista il suo quinto titolo europeo.

Il percorso della Sir Sicoma Colussi Perugia nella stagione 2017-18: superato agevolmente il 3rd Round preliminare nel doppio confronto contro i bielorussi dello Shakhtior Soligorsk, gli umbri conquistano anche il primo posto finale in solitaria nel Pool A, chiudendo la classifica della fase a gironi senza sconfitte e con tre punti di vantaggio sull’inseguitrice Cucine Lube. Il dominio umbro prosegue anche nei PlayOffs 12 sulla turca Halkbank Ankara, e nei PlayOffs 6 sulla russa Novosibirsk, nonostante il tie break perso nel match di ritorno in Siberia, a qualificazione ormai avvenuta.

L’AVVERSARIA-

Zenit Kazan (RUS): è l’8a partecipazione consecutiva alla Final Four di Champions League per la corazzata allenata da Vladimir Alekno che vanta un record assoluto di cinque trofei vinti in Champions League. Insieme alla Trentino Volley, è l’unica squadra ad aver conquistato il titolo per tre stagioni consecutive (Berlino, Krakow e Roma), ai quali vanno aggiunti quelli del 2008 e 2012 a Lodz. Una quarta vittoria consecutiva aggiungerebbe un altro capitolo ad una storia di successo senza precedenti. La squadra russa quest’anno è il Club organizzatore della Final Four e cerca il sesto titolo tra le mura “di casa”. Dominatrice nella Pool D della fase a Gironi, dove ha chiuso in vetta con un distacco di 9 punti dalla seconda Wegiel, il Kazan ha quindi incrociato le braccia da fine febbraio scorso in attesa dei verdetti dei PlayOffs 12 e PlayOffs 6.

I PROTAGONISTI-

Dragan Stankovic (Cucine Lube Civitanova)- « Archiviamo tutta la stagione disputata finora e concentriamoci esclusivamente sulla Final Four di Champions League: sono le ultime due gare dell’anno ma sicuramente uno degli appuntamenti più importanti sul nostro calendario. Abbiamo sempre dimostrato di saper non mollare mai, dunque ci attendono due giorni in Russia in cui dovremo dare tutto, preparandoci al meglio e in cui ognuno di noi dovrà mettere in campo il proprio massimo per raggiungere un obiettivo prestigiosissimo come la Champions League, a partire dalla Semifinale di sabato contro lo Zaksa ». 

Lorenzo Bernardi (Allenatore Sir Colussi Sicoma Perugia)- « Sicuramente sarà una Semifinale complicata per le grandi individualità che Kazan può mettere in campo. Adesso per noi è importante cercare di recuperare tutte le energie fisiche e mentali che, ovviamente, abbiamo speso nella serie di Finale Scudetto. Abbiamo di fronte una grande opportunità e non abbiamo la pancia piena ma, anzi, la voglia di fare qualcosa che quasi nessuno è mai riuscito a fare, una cosa straordinaria. Abbiamo qualche giorno per allenarci e riprendere il ritmo, conosciamo il loro punti di forza ed anche quelli dove provare a colpire, cercheremo senza dubbio di giocare la nostra miglior pallavolo possibile in questo momento. Se è difficile dopo la vittoria dello Scudetto far ritornare i ragazzi con la testa giusta per questo ultimo appuntamento? Credo onestamente che sarebbe stato più complicato se domenica avessimo perso ». 

LA FINAL FOUR SU FOX SPORTS-

Per il quinto anno consecutivo “casa” della CEV Champions League Maschile, Fox Sports ha trasmesso anche quest’anno in esclusiva tutti i match delle tre italiane impegnate nella competizione, oltre a tutte le gare di ritorno decisive dei PlayOffs 6.

Per la Final Four l’impegno della tv sat sarà al massimo: tutte e quattro le sfide saranno trasmesse in diretta su Fox Sports Plus (ch. 205 del decoder Sky). Live dal Basket-Hall di Kazan, le telecronache curate da Stefano Locatelli in coppia alternata al commento tecnico con i grandi Andrea Zorzi e Samuele Papi, arricchite dalle interviste bordo campo di Roberto Marchesi. Inoltre, da Milano, Marco Russo seguirà tutta la Final Four con studi pre e post partita coadiuvato dal campione Hristo Zlatanov, new entry tra i commentatori della squadra Fox.

IL PROGRAMMA-

Sabato 12 maggio 2018, ore 15.00 (italiane)
1a Semifinale
Zaksa Kedzierzyn-Kozle (POL) – Cucine Lube Civitanova (ITA)
Sabato 12 maggio 2018, ore 18.00 (italiane)
2a Semifinale
Sir Colussi Sicoma Perugia (ITA) - Zenit Kazan (RUS)

Domenica 13 maggio 2018, ore 15.00 (italiane)

Finale 3°- 4° posto

Domenica 13 maggio 2018, ore 18.00 (italiane)

Finale 1°- 2° posto

Champions League Final Four Sir Colussi Sicoma Zenit Cucine Lube Zaksa Kedzierzyn

Commenti

La Prima Pagina

Potrebbero interessarti