Pallavolo

Volley: A2 Femminile, Club Italia e Ravenna si impongono nei due anticipi
© Federvolley

Volley: A2 Femminile, Club Italia e Ravenna si impongono nei due anticipi

Successo al tie break per la squadra federale contro Trento. La giallorosse di Angelini vanno sotto ma poi si sono imposti 3-1 su Baronissitwitta

sabato 10 febbraio 2018

ROMA- Due successi interni gli anticipi della 7a giornata di A2 Femminile. Al Centro Pavesi il Club Italia ha superato in cinque set la Delta Informatica Trentino; a Ravenna la Conad Olimpia ha battuto 3-1 la P2P Baronissi, dopo aver perso il primo set. Per le ragazze di Bellano da registrare la strepitosa performance di Nwakalor che ha messo per terra 25 palloni vincenti. La squadra di Angelini si è imposta sulla squadra campana in virtù della bella serata delle due attaccanti Kajalina e Bacchi, le quali hanno realizzato rispettivamente 24 e 21 punti. Miglior marcatrice di serata Mendaro Leyva (Baronissi) con 30 punti nello score.

LE DUE SFIDE-

CLUB ITALIA CRAI – DELTA INFORMATICA TRENTINO-

Club Italia CRAI di lusso al Centro Pavesi: nell’anticipo della settima giornata di Serie A2 la squadra della Federazione Italiana Pallavolo supera al tie break la Delta Informatica Trentino, cogliendo la sua settima vittoria nelle ultime 8 gare di campionato. L’andamento della partita rischiava di alimentare i rimpianti delle azzurre, che si erano viste annullare un set point nel primo parziale (chiuso sul 24-26) e non avevano sfruttato un ampio vantaggio (21-17) nel quarto; il tie break però è stato una prova di forza della formazione di casa, che a cavallo del cambio di campo ha piazzato la fuga decisiva del 12-6 per poi chiudere 15-9.

Grande prestazione da parte di tutte le azzurre, che hanno approcciato la gara in grande stile in attacco e ricezione, ma a partita in corso hanno trovato grandi risposte anche dal muro (12 punti) e dalla difesa; praticamente perfetto il tie break, con un solo errore in tabellino. Ancora una volta sopra le righe Sylvia Nwakalor con 25 punti e il 58% in attacco; prova eccellente anche per Rachele Morello in regia e Chiara De Bortoli in seconda linea. Decisivo, nel quinto set, il turno di servizio del capitano Marina Lubian. La Delta Informatica, che ha avuto in Bernadett Dekany la sua miglior realizzatrice (21 punti), è stata trascinata fino all’ultimo anche da Silvia Fondriest, protagonista con l’85% in attacco.
Grazie a questo successo il Club Italia CRAI si porta provvisoriamente al nono posto in classifica, in attesa delle partite di domenica.

Buon pubblico al Centro Pavesi con una rappresentanza di tifosi anche da Trento. Il Club Italia CRAI conferma la formazione scesa in campo a San Giovanni in Marignano: in posto 4 ci sono Omoruyi e Pietrini, al centro Fahr e Lubian. La Delta recupera tra le titolari Dekany, in diagonal e con Michieletto.
Avvio di gara all’insegna dell’equilibrio: Trento è la prima a staccarsi sul 4-6, ma il Club Italia pareggia subito e piazza il break del 10-7 sul servizio di Lubian. Il muro di Kiosi riporta le ospiti in parità sul 14-14 e si torna a lottare punto a punto: Fondriest ferma Lubian per il 16-17, ma Pietrini e l’errore di Kiosi regalano il 20-18 che costringe Negro al time out. Nuovo pareggio trentino con Dekany (21-21) e finale allo sprint: sul 23-23 è Lubian a procurarsi il primo set point, ma Dekany lo annulla e ne guadagna a sua volta uno, che Kiosi trasforma con l’appoggio vincente del 24-26.
La reazione del Club Italia non si fa attendere: in apertura di secondo set le padrone di casa volano subito sul 4-0 e poi sul 6-1 con Fahr. Nwakalor a muro sigla il 12-6, Trento si gioca i due time out e prova a rientrare (15-12) ma viene respinta da Omoruyi per il 18-13. Il servizio di Moncada procura ancora un brivido alle azzurre (20-17), che però restano saldamente avanti con Pietrini e si conquistano il set point sul 24-19 con un muro di Lubian: è ancora Pietrini a chiudere riportando in parità il conto dei set.
Il Club Italia parte fortissimo anche nel terzo set, portandosi sul 5-1 con Fahr e Pietrini; Trento inserisce Fucka per Moretto, ma una Nwakalor in grande spolvero trascina le azzurre fino all’8-2. La Delta accorcia le distanze con Dekany, prima sul 9-6 e poi sul 10-8, ma Fahr a muro scava di nuovo il break del 13-8. Dal 16-11, siglato ancora da Fahr in collaborazione con Pietrini, Trento riesce a riportarsi sul 16-14 con il servizio di Michieletto; Bellano ferma il gioco, ma al rientro Dekany e Michieletto completano la rimonta per il 16-16. Entra Mangani per Omoruyi, è però Dekany a regalare il break alle ospiti (17-19); ci pensa Pietrini a raddrizzare la situazione. Le due squadre arrivano in perfetta parità sul 22-22, poi Omoruyi e Nwakalor si procurano due set point e, dopo il time out chiamato dalla Delta, Kiosi spedisce out l’attacco del 25-22.
Come i set precedenti, anche il quarto si apre con un break azzurro: Fahr è protagonista per il 5-2 e Morello piazza il muro vincente del 9-5. Nelle file di Trento entra Fiesoli per Michieletto e proprio l’ex azzurra riporta sotto le ospiti (11-10), ma un gran muro di Nwakalor riporta avanti il Club Italia (14-11) che allunga ancora con l’ace di Fahr: 16-12. Pietrini (18-15) conserva il prezioso vantaggio delle azzurre, che con Fahr e Nwakalor si portano sul 21-17; da qui però le ospiti recuperano ancora con Fondriest, fino a completare la rincorsa sul 22-22 con un ace di Carraro. Sul 23-23 è nuovamente Fondriest a conquistare il set point, annullato da un muro di Lubian. Ai vantaggi però la Delta si procura altre due chance e sfrutta la seconda grazie all’errore di Omoruyi: 25-27.
Nel tie break Trento, che conferma Fiesoli tra le titolari, scatta meglio dai blocchi con la scatenata Fondriest: 2-4. Il Club Italia però recupera subito con Pietrini e, trascinato da De Bortoli e Lubian, si stacca a sua volta sul 7-5; dopo il cambio di campo, un devastante turno di servizio di Lubian (che firma anche un ace) consente alle azzurre di allungare fino al 12-6. La Delta non riesce più a rientrare e al secondo match point l’errore in battuta di Moro chiude la contesa: 15-9.

I PROTAGONISTI-

Massimo Bellano (Allenatore Club Italia CRAI)- « Sono molto contento di quello che abbiamo fatto dal secondo set in poi, peccato per il primo che abbiamo un po’ regalato. Rispetto alle altre partite abbiamo fatto molto bene anche in battuta, mentre a muro abbiamo preso le misure in corsa soprattutto a Dekany, che all’inizio ci aveva messo in difficoltà. Già da qualche tempo la squadra è più stabile: sbagliamo meno e quindi costringiamo gli avversari ad aspettare meno i nostri errori e prendere più iniziative, questo è il primo step che volevamo raggiungere. Dobbiamo però diventare ancora più solidi e quadrati e chiudere prima queste partite ».

IL TABELLINO-

CLUB ITALIA CRAI – DELTA INFORMATICA TRENTINO 3-2 (24-26 25-19 25-22 25-27 15-9)

CLUB ITALIA CRAI: Morello 2, Omoruyi 7, Fahr 14, Nwakalor 25, Pietrini 17, Lubian 11, De Bortoli (L), Mangani 1, Cortella, Malual, Tonello (L). Non entrate: Bulovic, Turco, Fucka. All. Bellano.

DELTA INFORMATICA TRENTINO: Moncada 5, Michieletto 9, Moretto 3, Kiosi 15, Dekany 21, Fondriest 12, Zardo (L), Fiesoli 3, Fucka 1, Carraro 1, Moro. Non entrate: Antonucci. All. Negro.

ARBITRI: Guarneri, Cavicchi.

NOTE – Durata set: 29′, 24′, 32′, 31′ , 15′ ; Tot: 131′.

CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA – P2P GIVOVA BARONISSI-

Trasferta amara per la P2P GIVOVA a Ravenna. Nel tempio del volley, contro la Teodora, la squadra di coach Castillo lotta, passa in vantaggio (0-1) ma subisce la rimonta delle padrone di casa che si impongono in 4 set. Sul fronte irnino, da evidenziare i 31 punti dell’opposto Mendaro Leyva. L’atleta di Baronissi è al secondo posto nella classifica delle top scorer del campionato di serie A2, alle spalle di Gray del Soverato. Non è bastata, però, la consueta vena realizzativa dell’atleta cubana per portar via punti dal Pala Costa.

Il primo set riserva un arrivo in volata e col fiatone ma il testa a testa, che la P2P GIVOVA si aggiudica per 23-25, è conseguenza di qualche punto perso per strada nelle fasi clou del parziale. Avanti di 7 (10-17), Baronissi subisce, infatti, la prima reazione della Olimpia Teodora Ravenna (15-19) e poi la seconda, una spallata che rimette tutto in discussione (21-22). I palloni dell’ossigeno li mette a terra l’opposto cubano Yaremis Mendaro Leyva: valgono platino gli attacchi del 21-23 e 22-24. Poi la chiusura per 23-25. Mendaro autrice di 11 punti nel primo set.

La reazione di Ravenna nel secondo parziale (con Aluigi subentrata a D’Odorico) è immediata: subito 3-0 per le padrone di casa, poi 9-6 dopo il time out e nuovo allungo fino al 17-12, con Kajalina e Bacchi in evidenza. Coach Castillo alterna Prestanti a Travaglini, la P2P GIVOVA non molla e ritorna dentro il set (21-20). Nel nuovo testa a testa, fotocopia del primo parziale, stavolta prevale la squadra di coach Angelini: 25-21 per la Olimpia Teodora Ravenna che porta in doppia cifra Kajalina (13 punti) e Bacchi (10).

Scoppiettante anche il terzo set: la P2P accorcia le distanze (12-11) e manda in battuta Victoria Lopez; Ravenna recupera il servizio, affidato a Torcolacci, e piazza il contro break che le restituisce 4 punti di vantaggio (16-12); Baronissi ricuce lo strappo e impatta prima a quota 18 e poi a quota 21. Non basta: set conquistato da Ravenna per 25-22.

Con lo stesso punteggio, 25-22, Ravenna vince il quarto set, durante il quale coach Castillo tenta a più riprese la sterzata chiamando in causa le atlete inizialmente in panchina: oltre Prestanti, in campo anche Baruffi in regia, al posto di Avenia, e Ferrara come schiacciatrice al posto di Victoria Lopez.

I PROTAGONISTI-

Ivan Castillo (Allenatore P2P Baronissi)- « Tra le prestazioni dell’ultimo periodo, questa è stata la peggiore come testa e approccio. Potevamo fare molto di più. Le nostre avversarie si sono aggrappate a Bacchi che ha attaccato ma anche difeso e corso. La pausa ci servirà per ricaricare le batterie e per prepararci al meglio per Collegno, dove dovremo dimostrare di che pasta siamo fatti. Giocare benino e perdere non piace a nessuno. Giriamo pagina e continuiamo a lavorare per dare un senso ai nostri allenamenti, per concludere con un altro bello spezzone di stagione. Pensare di aver centrato la salvezza, che non è ancora aritmetica, e cullarsi non è un concetto che deve appartenerci, anzi può diventare un tarlo che si insinua e rende fiacco lo spirito, il temperamento. Deve accadere l’esatto contrario: proprio in questo momento della stagione, devono emergere le motivazioni di chi non si accontenta e punta al meglio. In questa fase, voglio vedere all’opera guerriere e capire chi è in grado di competere, anche in futuro, per un obiettivo più nobile e chi, invece, è destinato a militare solo in squadre di bassa classifica ».

IL TABELLINO-

CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA – P2P GIVOVA BARONISSI 3-1 (23-25 25-21 25-22 25-22)

CONAD OLIMPIA TEODORA RAVENNA: Torcolacci 3, Scacchetti 3, Bacchi 21, Menghi 7, Kajalina 24, D’Odorico 3, Paris (L), Aluigi 11, Panetoni, Ceroni, Vallicelli. All. Angelini.

P2P GIVOVA BARONISSI: Travaglini 2, Mendaro Leyva 30, Moneta 12, Strobbe 6, Avenia, Victoria Lopez 9, Maggipinto (L), Ferrara 2, Prestanti 1, Baruffi 1, Pedone. Non entrate: Quarchioni, Gagliardi. All. Castillo.

ARBITRI: Jacobacci, Traversa.

NOTE – Durata set: 29′, 26′, 25′, 25′ ; Tot: 105′.

I RISULTATI-

Club Italia Crai-Delta Informatica Trentino 3-2 (24-26, 25-19, 25-22, 25-27, 15-9)

Conad Olimpia Teodora Ravenna-P2p Givova Baronissi 3-1 (23-25, 25-21, 25-22, 25-22)
 

LA CLASSIFICA-

Battistelli S.G. Marignano 51; Lpm Bam Mondovi’ 51; Fenera Chieri 49; Savallese Millenium Brescia 48; Ubi Banca San Bernardo Cuneo 47; Delta Informatica Trentino 44; Volley Soverato 42; Conad Olimpia Teodora Ravenna 39; Club Italia Crai 35; Barricalla Collegno 33; Zambelli Orvieto 30; P2p Givova Baronissi 25; Sorelle Ramonda Ipag Montecchio 19; Bartoccini Gioiellerie Perugia 16; Golem Olbia 15; Sigel Marsala 8; Golden Tulip Volalto Caserta 6.

Tags: A2 femminileClub ItaliaDelta InformaticaConadP2P Baronissi

Tutte le notizie di Femminile

Approfondimenti

Commenti