Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Volley: A1 Femminile, Conegliano, Novara e Scandicci in campo sabato sera
0

Volley: A1 Femminile, Conegliano, Novara e Scandicci in campo sabato sera

Le tre formazioni in testa al campionato saranno impegnate in settimana nell'andata dei quarti di Champions League e dunque giocheranno in anticipo gli incontri della 23a giornata, ripettivamente contro Firenze, a Chieri e in casa con Cuneo

venerdì 8 marzo 2019

ROMA- Le squadre del campionato di A1 Femminile affilano le armi per il volatone finale della regular season, giunta a quattro giornate dalla fine. In palio le posizioni nella griglia Play Off, gli ultimi posti nel tabellone scudetto e la salvezza. Nel 23° turno le tre leader del campionato, Conegliano, Novara e Scandicci, chiamate in settimana a giocare l'andata dei Quarti della CEV Champions League, giocheranno in anticipo. Le pantere di Daniele Santarelli ospiteranno sabato sera Il Bisonte Firenze (diretta alle 20.30 su Rai Sport + HD) forti dei sei punti di vantaggio sull’Igor Gorgonzola Novara e otto sulla Savino Del Bene. Chirichella e compagne affronteranno il derby in trasferta con la Reale Mutua Fenera Chieri, per le toscane in calendario il match interno con la Bosca S.Bernardo Cuneo. Impazza la battaglia per il quarto posto, con tre squadre in tre punti: Saugella Team Monza e Unet E-Work Busto Arsizio, che in settimana hanno colto la qualificazione alla finale di Coppa, se la vedranno, lontano da casa, rispettivamente con Banca Valsabbina Millenium Brescia e Lardini Filottrano. Turno di riposo, invece, per la èpiù Pomì Casalmaggiore. Chiude il programma la sfida tra Club Italia Crai e Zanetti Bergamo, con le rossoblù che hanno l’obbligo di vincere per continuare a sperare nell’ottavo posto, l’ultimo che darà diritto a disputare i Play Off Scudetto.

LA GIORNATA-

Con la sfida alla corazzata Eczacibasi Istanbul nei quarti di Champions League alle porte, l’Imoco Volley Conegliano ospita al PalaVerde Il Bisonte Firenze, cui mancano due punti per la matematica qualificazione ai Play Off. Le toscane costituiscono tradizionalmente un avversario ostico per le Campionesse d’Italia, che puntano a mantenere inalterato il vantaggio sulle inseguitrici. Il primo posto in classifica alla fine della Regular Season, infatti, assicura la partecipazione alla prossima Champions League.

« Abbiamo potuto condurre una bella settimana di lavoro, senza partite infrasettimanali siamo riusciti a mettere un po’ di carico fisico e dal punto di vista tecnico c’è stato il tempo per lavorare su alcuni aspetti specifici in cui possiamo migliorare – spiega Daniele Santarelli, coach dell’Imoco -. Domani ci aspetta un match importante perché vogliamo continuare la nostra striscia di vittorie per mantenere il primo posto fino alla fine. Ci aspetta un’avversaria storicamente sempre difficile da affrontare Firenze: sono un’ottima squadra, stanno facendo un bel campionato e hanno atlete di tutto rispetto che verranno al Palaverde per fare il colpaccio, quindi massima attenzione e concentrazione ».

« L’Imoco è sicuramente la squadra con il roster più completo della serie A1 – esordisce Gianni Caprara, coach de Il Bisonte -: ha tre top player nei rispettivi ruoli a livello mondiale e in più ha il reparto delle centrali più forte del campionato italiano. Secondo me è la squadra che mette in campo il più bel gioco a livello europeo, anche se forse deve trovare un equilibrio migliore: noi dal canto nostro dovremo cercare di avere pazienza nei momenti in cui saranno incontenibili, aspettando i loro eventuali passaggi a vuoto per sfruttarli nel miglior modo possibile. Quella di domani rappresenta un’altra tappa importante del nostro processo di crescita, perché giochiamo contro una delle big e vogliamo vedere se riusciamo ad avvicinarci al loro livello: contro Novara non ce l’abbiamo fatta, speriamo di farlo contro Conegliano ».

L’Igor Gorgonzola Novara è attesa dal derby contro la Reale Mutua Fenera Chieri. Due squadre agli antipodi della classifica ma ugualmente agguerrite per portare a casa l’intera posta in palio. Le azzurre di Massimo Barbolini per non mollare la presa sul secondo posto e preparare con serenità l’impegno europeo in Germania, le biancoblù di Marco Sinibaldi per dare seguito al successo di Bergamo e mantenere vive le residue speranze di salvezza.

« Per noi questo non sarà solo un derby, ma anche un qualcosa di più – spiega la capitana della Reale Mutua, Sara De Lellis -. In questo momento non importa chi c’è dall’altra parte della rete, che sia Novara o un’altra squadra: quello che conta è raccogliere più punti possibili perché il nostro obiettivo è ancora raggiungibile. Abbiamo lavorato duramente per farci trovare pronte in quest’ultimo mese. Non dobbiamo più guardare indietro e pensare a ciò che non abbiamo fatto o ai punti che abbiamo perso. Non c’è tempo per avere rimpianti, adesso è ora di rimanere concentrate e pensare a ciò che dobbiamo fare da qui in poi ».

« Non so ancora bene che effetto mi farà scendere in campo da avversaria nella mia città, di sicuro sarà strano – racconta Giorgia Zannoni, libero della Igor -. Per me sarà la prima volta da avversaria: avevo già giocato a Chieri con la maglia di Asti, ma ai tempi ero giovanissima e poi era un match di B1, tutto era diverso. Sono convinta che ci aspetti una partita difficile, con un clima caldo anche per via della rivalità storica tra le due piazze ma soprattutto per quanto pesano i punti in palio: noi vogliamo mantenere la seconda posizione, loro devono vincere per continuare a sperare nella salvezza. Chieri è una formazione in fiducia, reduce da una vittoria su un campo sempre tosto come quello di Bergamo e da parte nostra servirà dare il meglio con un ritmo al massimo fin dal primo pallone. Questo per evitare di complicarci la vita o di avere addirittura qualche brutta sorpresa ».

Reagire al ko contro l’Imoco per non farsi risucchiare da chi insegue. La Savino Del Bene Scandicci torna al palazzetto amico per riprendere la sua marcia, alla vigilia della gara di andata dei quarti di finale di Champions League contro il Fenerbahce Istanbul. In Toscana arriva laBosca S.Bernardo Cuneo, stabile a quell’ottavo posto che le regalerebbe la qualificazione ai Play Off. Sebbene il livello delle prestazioni lontano da PalaUbiBanca non sia all’altezza di quello tra le mura di casa, il confronto si preannuncia equilibrato.

« Vedo una partita complicata, noi veniamo da una sconfitta e quindi abbiamo l’obbligo di fare punti, non abbiamo altre possibilità – chiarisce Carlo Parisi, coach della Savino Del Bene -. La squadra contro la quale giochiamo è rognosa e, se messa nelle condizioni di giocare bene, può fare male e lo dimostrano i risultati della stagione. Hanno individualità che possono cambiare l’andamento di una partita ».

« Il Palazzetto di Scandicci – dichiara Sara Menghi, schiacciatrice della Bosca S.Bernardo ed ex della partita – sarà di certo molto caldo: la pallavolo è molto sentita in città, già cinque anni fa quando ho giocato nell’anno d’esordio in A1, figuriamoci ora. Hanno una squadra ben attrezzata, molto forte in Italia ed in Europa. Noi però andiamo in Toscana convinte di poter fare bene e strappare punti per centrare il traguardo dei playoff. Ho sempre creduto nella mia squadra, magari non mi aspettavo una stagione così emozionante, ma di certo non mi stupisce. Continueremo a spingere fino all’ultima giornata e speriamo anche oltre ».

Non vince da fine gennaio la Banca Valsabbina Millenium Brescia, che punta a ritrovare fiducia nel match interno contro la Saugella Team Monza. Le ragazze di Enrico Mazzola, conquistato con ampio anticipo l’obiettivo salvezza, hanno visto allontanarsi la zona Play Off e sono reduci da due 0-3 rispetto ai quali sono chiamate al riscatto. Di fronte, però, c’è una squadra che ha appena festeggiato l’approdo alla finale di Challenge Cup. Capitan Tiziana Veglia fa il punto della situazione in casa Millenium:

« Contro Busto Arsizio ci è mancato qualcosa, indubbiamente, come è mancato qualcosa anche nella gara contro Casalmaggiore. Sinceramente non so come spiegare questa situazione: speriamo di invertire questo trend negativo e di finire bene la stagione. Non ce lo meritiamo per il lavoro svolto. Affronteremo l’impegno interno contro la Saugella a viso aperto. Non abbiamo nulla da perdere, dobbiamo ritrovare la nostra cattiveria agonistica in campo, senza quella facciamo fatica ».

« Dopo aver ricaricato le pile, dopo dieci giorni senza riposo, siamo ora pronti ad approcciare con il massimo impegno la gara contro Brescia – afferma Miguel Angel Falasca, coach della Saugella -. Fino al termine della regular season ci aspettano tre sfide, a partire da quella con le bresciane, che dobbiamo affrontare con grande determinazione. Loro difendono tanto e ci sarà bisogno di fare attenzione ed avere pazienza. Il loro obiettivo principale, che era la salvezza l’hanno raggiunto, ma ora vorranno puntare ad un accesso ai Play-Off Scudetto e per questo daranno il massimo. Noi però dovremo pensare al nostro gioco: per costruire un successo sarà importante giocare palla su palla con lucidità ».

Centrato il traguardo della quarta finale di Coppa CEV nella sua storia, la Unet E-Work Busto Arsizio si rituffa in Campionato per provare ad assaltare il quarto posto, unica del trio in corsa ad aver già osservato il turno di riposo nel girone di ritorno. In casa della Lardini Filottrano, Marco Mencarelli avrà a disposizione Herbots che ha smaltito l’influenza e sta recuperando a pieno anche Martina Samadan, rientrata in campo sabato scorso contro Brescia. Le marchigiane sono al terzultimo posto in classifica a quota 14 punti e puntano sul fattore PalaBaldinelli per non procrastinare oltre la certezza della permanenza in A1.

« Andiamo a Filottrano con l’unico obiettivo di trovare i tre punti – sottolinea Beatrice Berti, centrale dell’UYBA -. Sappiamo che nessuna gara è scontata, ma noi siamo in un buon momento sia dal punto di vista fisico che psicologico per affrontare ogni partita con il giusto approccio. La finale di CEV? Siamo felici di averla centrata, ma ci penseremo quando sarà il momento: ora testa al campionato ».

« A quattro giornate dalla conclusione tutte le partite hanno un certo peso specifico – evidenzia l’allenatore della Lardini, Filippo Schiavo –. Quella di Busto è una buona squadra, che ha nella difesa e nel contrattacco i suoi punti di forza. Nell’affrontare un team così solido sarà importante avere la giusta pazienza, quella che ad esempio non abbiamo avuto all’andata, precludendoci la possibilità di arrivare al tie-break. Dovremo essere bravi nel mantenere la lucidità e nella scelta dei colpi d’attacco ».

Ultima chiamata o quasi per la Zanetti Bergamo e per le ambizioni di raggiungere la post-season. La sequenza di ko contro Filottrano, Cuneo e Chieri ha inchiodato le rossoblù in nona posizione, a cinque punti di distanza dall’ottavo posto e pure con una partita giocata in più delle dirette concorrenti. Servono dunque tre punti alla truppa di Matteo Bertini, che domenica farà visita al Centro Pavesi, casa del Club Italia Crai.

« In questo momento raggiungere i Play Off è difficile ma non impossibile – sostiene Camilla Mingardi, schiacciatrice della Zanetti -. Certo, se vogliamo fare qualcosa di buono, dobbiamo fare vedere qualcosa di più. Il Club Italia è una squadra giovane, con tanta voglia di fare e con nulla da perdere perché non ha pressioni. Noi dobbiamo invece mettere fine a questo periodo negativo e dobbiamo finire la Regular Season in modo positivo ».

« Il lavoro è ripartito dopo aver analizzato la partita disputata a Firenze dove abbiamo fatto bene nella fase break tranne nella seconda metà del terzo set – spiega il tecnico federale Massimo Bellano -. Negli ultimi tre giorni abbiamo avuto buone indicazioni dal campo e lavorato molto su battuta e muro difesa. Sono questi ultimi gli aspetti che dovremo affrontare in modo incisivo da qui alla fine della stagione. Per noi è una partita difficile da preparare considerando il fatto che Bergamo ha una panchina molto profonda ed è in grado di cambiare aspetto più volte nel corso della partita. Affronteremo anche questa gara con serenità e con determinazione ».

PROGRAMMA E ARBITRI DELLA 23a GIORNATA-
 

Sabato 9 marzo, ore 20.30 (diretta Rai Sport + HD)

Imoco Volley Conegliano – Il Bisonte Firenze  Arbitri: Canessa-Luciani 

Sabato 9 marzo, ore 20.30 

Reale Mutua Fenera Chieri – Igor Gorgonzola Novara  Arbitri: Piperata-Colucci 

Savino Del Bene Scandicci – Bosca S.Bernardo Cuneo  Arbitri: Oranelli-Turtù 

Domenica 10 marzo, ore 17.00

Lardini Filottrano – Unet E-Work Busto Arsizio  Arbitri: Merli-Toni  

Banca Valsabbina Millenium Brescia – Saugella Team Monza  Arbitri: Tanasi-Pozzato

Club Italia Crai – Zanetti Bergamo  Arbitri: Bartolini-Laghi 

Riposa: èpiù Pomì Casalmaggiore

LA CLASSIFICA-

Imoco Volley Conegliano 52; Igor Gorgonzola Novara 46; Savino Del Bene Scandicci 44; Saugella Team Monza* 40; Unet E-Work Busto Arsizio 39; èpiù Pomi’ Casalmaggiore* 38; Il Bisonte Firenze* 35; Bosca San Bernardo Cuneo 30; Zanetti Bergamo* 25; Banca Valsabbina Millenium Brescia 24; Lardini Filottrano 14; Reale Mutua Fenera Chieri 7; Club Italia Crai 2.
* una partita in più

 

A1 femminile Imoco Il Bisonte Reale Mutua Igor Gorgonzola Savino Del Bene Bosca S Bernardo

Commenti