Tuttosport.com

Scopri l'edizione digitale su Tablet e Smartphone

Volley: Mondiali 2018, Daniele Mazzone presenta Italia-Argentina
© Torcivia
0

Volley: Mondiali 2018, Daniele Mazzone presenta Italia-Argentina

Il centrale azzurro: « Stiamo andando bene ma dobbiamo continuare così anche nelle prossime partite, se possibile migliorando ancora alcuni aspetti. Argentina squadra difficile da affontare »

venerdì 14 settembre 2018

FIRENZE- L'Italia, dopo la bella vittoria di ieri contro il Belgio, ricarica le batterie in vista della sfida che domani, sempre a Firenze, la opporrà (ore 21.15) all'Argentina di Julio Velasco. Gli azzurri potranno giocare davanti ad Nelson Mandela Forum sold out: da diverse settimane infatti sono stati venduti tutti i tagliandi. Il pubblico sarà ancora una volta l'arma in più per la formazione di Blengini, come nelle prime due partite della rassegna iridata.    
Gli azzurri hanno sfruttato la giornata di riposo per ricaricare le energie e per preparare al meglio la partita contro i sudamericani: formazione che nella Volleyball Nations League superò l’Italia 3-0.
Da quella partita molte cose, però, sono cambiate e i ragazzi di Blengini prima con il Giappone e poi soprattutto contro il Belgio hanno messo in mostra evidenti progressi.      
Gioco veloce, tante difese e un livello di concentrazione altissimo per tutto il corso della partita, queste alcuni delle chiavi della vittoria contro la squadra di Anastasi.      

LE PAROLE DI DANIELE MAZZONE-

« Ieri si è vista un'Italia spumeggiante, capace di mettere in campo le sue migliori qualità. Nelle settimane di collegiale abbiamo lavorato tanto e migliorato la nostra fase difensiva. Dobbiamo continuare così anche nelle prossime partite, se possibile migliorando ancora alcuni aspetti. Con il Belgio per esempio all'inizio del primo set abbiamo subito un gap di qualche punto, penso che contro con squadre più forti possa diventare più complicato recuperare. La partita di domani non sarà facile, l'Argentina è una formazione che difende tanto, hanno due centrali forti e un palleggiatore fenomenale. Bisogna scendere in campo concentrati ed esprimere al meglio il nostro gioco. Nelle prime due partite Simone (Giannelli n.d.r.) è stato bravissimo, ci ha dato palla sempre nei momenti opportuni e questo ha fatto sì che il nostro attacco abbia funzionato nella migliore maniera ».

Mondiali 2018 Firenze Italia Belgio argentina Mazzone Blengini

Commenti

Potrebbero interessarti

La Prima Pagina