Tuttosport.com

commenti

Piccinini si presenta a Torino. «Sogno la medaglia di Londra»

La Duck Farm Chieri Torino alza il sipario sulla stella del mercato, la schiaccaitrice Francesca Piccinini che promette: «Porto la soluzione per vincere». Intanto sogna il podio all'Olimpiade

Piccinini si presenta a Torino. «Sogno la medaglia di Londra»© FIVB

TORINO, 25 giugno - Torino per in pomeriggio si ferma, Per applaudire a scoprire lei, la nuova regina del volley piemontese, Francesca Piccini, vero colpo di mercato dell'estate 2012 per la pallavolo femminile.

I TIFOSI SOGNANO - La sua prima dichiarazione, dopo tanta esperienzavincente con la maglia di Bergamo, è una semplice ed efficace, che fa sognare subito i tifosi della Duck Farm Chieri Torino, una delle squadre al top nel mercato: «Porto la soluzione per vincere».

CAMBIO DI MAGLIA - Il simbolo vivente della pallavolo femminile italiana cambia maglia dopo 13 anni di vittorie a Bergamo («Lì sono stata sempre bene, anche nel momento dell'addio, quando mi hanno spiegato le loro difficoltà economiche, c'è massima sincerità» spiega la schiacciatriatrice) e il suo arrivo nel capoluogo piemontese non è passato  inosservato.

EMOZIONA - Francesca nel corso della presentazione ha gli occhi lucidi, l'emozione si avverte. «Sono contenta di vedere così tanta gente - esordisce -. Non è facile per me fare queste conferenze, ne ho fatte soltanto due in vita mia, a Bergamo e oggi. Agli inizi a Modena e quando sono andata in Brasile ero troppo giovane...».

 SOCIETA' FIERA - Il presidente del Chieri Torino, Maurizio Magnabosco, la accoglie dicendo che «avere Francesca in squadra è il sogno di ogni tifoso». Un sogno che ora è realtà. La 'Picci' ringrazia, si dice «orgogliosa di vestire questa maglia» e poi spiega la scelta di indossare i colori biancoblu.

IL PERCHE' - «Sono a Torino perché la società ha fatto di tutto per portarmi qui. L'estero? Sono una patriota, avevo già lasciato l'Italia a 18 anni per andare in Brasile, questa è stata una scelta fatta col cuore. Il club ha creduto in me, è stato molto semplice». Il corteggiamento a Francesca è stato lungo e serrato. C'è voluto un paio di mesi per convincerla e strapparla alla concorrenza, nazionale e internazionale. «E' stata un'operazione molto complessa e molto affascinante, è stata una trattativa molto difficile - ammette il tecnico, Francois Salvagni -. Da campioni come lei c'è tanto da imparare».

MERCATO DA BIG - L'arrivo della Piccinini è la classica ciliegina sulla torta di un mercato in grande stile da parte della società torinese, completato da Martina Guiggi, Marta Bechis e dal libero Imma Sirressi, la cui firma è data per imminente. «Penso che si possano fare grandi cose - dice la schiacciatrice toscana -. Ho tanto entusiasmo, voglia di affermarmi ancora, tanta esperienza che spero di trasmettere a questo gruppo giovane, spero di poter dare tanto. Da Bergamo porto la soluzione per vincere! Sono nata con la pressione e con la voglia di raggiungere gli obiettivi, che di solito sono altissimi e sarà così anche quest'anno». Sul tipo di obiettivo non si sbilancia («Inizierò a pensarci da ottobre» sorride), prima c'è da vivere una estate da protagonista con la maglia della Nazionale alle Olimpiadi.

I GIOCHI  - «A Londra possiamo fare grandi cose, vorrei conquistare l'ultima medaglia chi mi manca».


Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili: