Tuttosport.com

Mondiali: Farah è oro nei 10mila. Schwanitz vince nel peso

Mondiali: Farah è oro nei 10mila. Schwanitz vince nel peso

Altri due azzurri eliminati: Simona La Mantia nel triplo, Jacques Riparelli nelle batterie dei 100twitta

sabato 22 agosto 2015

PECHINO - Momento no per l'Italia al Mondiale di Pechino. Dopo le eliminazioni nel mattino cinese di tutti e cinque gli azzurri in gara nella prima sessione di gare (Chiara Rosa nel peso donne, Marco Lingua nel martello, Jamel Chatbi nei 3000 siepi, Margherita Magnani nei 1500 metri, in 4:09.06, primo tempo delle escluse, e Giordano Benedetti negli 800 metri), anche Simona La Mantia e Jacques Riparelli sono andati fuori nel triplo donne e nelle batterie dei 100. È un exploit in negativo che contrasta con l'ottimo risultato colto da Pertile e Meucci in maratona. Lo sprinter veneto non fa meglio di 10.41 sui 100 metri, mentre la saltatrice palermitana è fuori dalla finale del triplo per soli sette centimetri (13,77, è 14/a).

LE MEDAGLIE - Primi due titoli dello stadio alla tedesca Schwanitz (peso, 20,37) e al britannico Mo Farah (10000m, in 27:01.13). La prima medaglia all'interno dello stadio va alla Germania: la vince Cristina Schwanitz, oro nel getto del peso con una bordata oltre i 20 metri (20,37) facilmente pronosticabile alla vigilia. Per la neocampionessa del mondo (già oro europeo lo scorso anno a Zurigo e argento iridato a Mosca due anni fa), però, le cose sono state tutt'altro che semplici: i suoi tre lanci oltre i 20 metri sono stati pareggiati, almeno da un punto di vista della frequenza, dalla cinese Lijiao Gong, seconda con il 20,30. Bronzo alla statunitense Michelle Carter (19,71). L'imbattibilità nel mezzofondo odierno ha i connotati di Mo Farah. Del resto, quando si è in grado di correre in 2:28 l'ultimo chilometro di un 10.000 da 27 minuti netti, agli altri rimane ben poco da fare o dire. Farah conferma l'oro di Mosca 2013 con la consueta, impareggiabile progressione, terminando in 27:01.13. Argento e bronzo ai due keniani Kamworor e Tanui, finiti in scia, ma, come accaduto a tanti loro colleghi, inesorabilmente battuti

100 - Nei 100 Riparelli corre nella prima delle sette batterie, piatto forte del pomeriggio al Bird's Nest. L'avvio dell'azzurro non è da disprezzare, ma con il passare dei metri vengono fuori i limiti attuali dello sprinter veneto. Il crono finale (10.41) non è pessimo, ma a questi livelli ormai serve decisamente altro, anche solo per competere. Con Riparelli c'è Asafa Powell, che si impone con 9.95. Ma in tanti, nelle batterie a seguire, corrono subito al di sotto dei 10 secondi. Il qatariano Femi Ogunode (9.99); lo statunitense Trayvon Brommel (9.91); il francese Jimmy Vicaut (9.92, +0.3). E poi, i duellanti: Justin Gatlin impressiona, perchè dopo la fase di accelerazione, dalla sua nona corsia, comincia a voltarsi, e a guardare gli avversari: malgrado lo show, ferma il cronometro a 9.83, seppure con una bava di vento oltre il limite (+2.1).

BOLT - Usain Bolt rinuncia allo show prima del via, e poi, in parte, anche a quello in pista: non si spreme - apparentemente - più di tanto, soprattutto nella fase lanciata, il suo punto di forza, e termina in 9.96 (-0.2); ad un solo centesimo, gli finisce lo statunitense Mike Rodgers (9.97), certo con un altro tipo di impegno. Domani è il giorno della verità, con la finale in programma alle 15.15 ora italiana.

GLI AZZURRI - Ancora una bocciatura per gli azzurri, e ancora per una questione di centimetri. Simona La Mantia è fuori dalla finale, 14esima, con un 13,77 che non basta per accedere alla prova decisiva. Certo, il risultato della palermitana non autorizzava sogni; anzi, in altri momenti della disciplina, non avrebbe lasciato spazio ad alcun tipo di speranza. Ma alla fine, sarebbe bastato fare un centimetro in più di quanto ottenuto dalla colombiana Urrutia, 13,84, per centrare l'obiettivo. Va ancora peggio alla finalndese Makela, prima delle escluse, appunto, per un solo centimetro. Le migliori ci sono tutte, dalla colombiana Caterine Ibarguen (14,42), all'ucraina Olha Saladukha (14,34), con il miglior risultato realizzato dala bulgara Petrova, 14,44. 

Tags: AtleticaPechino

Tutte le notizie di Atletica

Approfondimenti

Commenti