Tuttosport.com

Rapetto: «Pantani non era solo quando morì»
© LAPRESSE
0

Rapetto: «Pantani non era solo quando morì»

Così il generale della Guardia di Finanza in audizione davanti alla commissione Antimafia: «Nella struttura ci sono sotterranei ed un garage per eludere il controllo del bureau»

martedì 16 aprile 2019

MILANO - Nella struttura in cui Marco Pantani fu ritrovato senza vita, c'erano «dei sotterranei e un garage», perché l'albergo «veniva probabilmente utilizzato non solo per trascorrere le vacanze, ma magari per trascorrere qualche ora in intimità, ragion per cui la possibilità di accedere dal garage esorbitava da qualunque controllo poteva essere esercitato dal bureau». Lo ha detto in audizione davanti alla commissione Antimafia Umberto Rapetto, già generale di brigata della Guardia di finanza, che ha ricostruito la fine del campione italiano di ciclismo, analizzando alcuni punti oscuri delle indagini. Come la posizione di un braccio: «Non si può pensare che sia stato lui a strisciare il braccio prima di esalare l'ultimo respiro». Questo porta a sospettare che al momento del decesso «qualcuno era con lui», a differenza di quanto è sempre stato affermato in fase di indagine. Rapetto, inoltre, porta all'attenzione dei parlamentari l'immagine di una pallina bianca che era nella stanza d'albergo, vicino al corpo del 'Pirata', ma «rimasta intonsa anche se fosse in una pozza di sangue, come se fosse stata calata giù con una canna da pesca».

Ciclismo Pantani Rapetto

Commenti