Tuttosport.com

Gwangju, il racconto della Viacava: “Ho vissuto una tragedia”
© Getty Images
0

Gwangju, il racconto della Viacava: “Ho vissuto una tragedia”

La pallanuotista azzurra era presente in discoteca insieme alla compagna di squadra Izabella Chiappini nel momento del crollo della balconata: “Abbiamo visto uno dei due sudcoreani morti con gli occhi sbarrati e la testa penzoloni”

sabato 27 luglio 2019

GWANGJU (Corea del Sud) - "Volevamo distrarci e passare una serata piacevole dopo la lunga preparazione e il mondiale andato così così, invece abbiamo vissuto una tragedia che difficilmente dimenticherò”. Giulia Viacava, azzurra della pallanuoto, racconta così quanto accaduto ieri notte nel locale Coyote Ugly, una discoteca al centro di Gwangju. Verso le 2.30 un tremendo rumore commisto a urla di paura e dolore: era appena crollata una balconata sospesa a due metri e mezzo di altezza con un centinaio di persone. Il bilancio, ancora ufficioso, indica due morti e circa 16 feriti, che sarebbero potuti essere anche di più se non fosse intervenuta subito la Viacava che, oltre a giocare a pallanuoto, si è laureata in scienze infermieristiche a Genova un paio di anni fa grazie alle insistenze di papà medico e mamma infermiera. "Ho cercato di intervenire il prima possibile, vedevo persone ferite che si lamentavano e chiedevano aiuto - ha raccontato l'azzurra - I soccorsi tardavano e così ho cominciato ad assistere chi potevo".

L’incubo dell’azzurra Viacava

"Vicino a me c'era l'americana Kaleigh Gilchrist. Aveva il polpaccio sinistro esposto - ha proseguito la Viacava - Le ho fermato l'emorragia prima che intervenisse l'ambulanza per portarla in ospedale dove è stata operata. Poi mi sono occupata di un nuotatore brasiliano che aveva subito un trauma contusivo con escoriazioni alla scapola destra. Ho disinfettato la ferita e con Izabella e altri atleti brasiliani l'abbiamo accompagnato in taxi al centro medico del villaggio atleti, dove è stato medicato". Per la 24enne genovese è stato un vero e proprio incubo: "Rientrata nell'appartamentino ho provato a dormire, ma continuavo a ricordare quelle scene di panico. Avevamo percepito il dramma in corso - ha spiegato la Viacava, che si era recata in discoteca con la compagna di squadra Izabella Chiappini - Abbiamo visto uno dei due sudcoreani morti con gli occhi sbarrati e la testa penzoloni. Poche ore e siamo partite con la squadra verso l'aeroporto: erano le 6, ma solo in aereo sono riuscita a dormire un po'. Finalmente sono tornata a casa". (Italpress)

Caricamento...
Caricamento...
Caricamento...

La Prima Pagina