Verani super: oro nella 25 km ai Mondiali di nuoto di Budapest

Dopo la doppietta Paltrinieri-Acerenza nei 10 km arriva il trionfo anche del 27enne toscano. Argento ad Axel Reymond, bronzo al padrone di casa Peter Galicz. Settimo l'altro azzurro Matteo Furlan
Verani super: oro nella 25 km ai Mondiali di nuoto di Budapest© Getty Images

BUDAPEST (UNGHERIA) - Dopo la doppietta Paltrinieri-Acerenza, l'Italia continua a collezionare medaglie ai Mondiali di nuoto di Budapest. Il 27enne di Cecina Dario Verani, infatti, ha conquistato l'oro nella 25 km chiudendo a 5h02'21"50, secondo il francese Axel Reymond (5h02'22"70), mentre chiude il podio il padre di casa Peter Galicz (5h02'35"40). Settimo posto per l'altro azzurro Matteo Furlan. Salgono a 21 le medaglie complessive conquistate dagli azzurri a Budapest 2022: di queste nove sono arrivate dalla vasca, sei dalle acque libere, una nei tuffi e cinque dal nuoto sincronizzato.

Verani nella leggenda

Verani entra nella leggenda del nuoto di gran fondo vincendo la maratona delle acque libere. Il ventisettenne di Cecina allenato da Fabrizio Antonelli per l'Esercito, che lo scorso anno qui vinse il bronzo europeo nella 5 km vinta da Gregorio Paltrineiri suo compagno di allenamenti, si impone da campione. E' la sesta medaglia della spedizione azzurra (2 ori , 2 argenti e 2 bronzi) che batte come numero il bottino storico di Fukuoka 2001 dove ci furono però tre ori (3 ori e 2 bronzi), e quello di Budapest 2017 sempre con 5 medaglie senza ori però. Nella 25km in principio fu Sergio Chiarantini. Il romano classe '68 conquistò un argento nella prima edizione della maratona della acque che si svolse a Perth nel 1991. Poi Valerio Cleri che dominò le onde di fronte al percorso di Ostia nei mondiali del 2009. Martina Grmaldi fu la prima donna a vince sul porto olimpico di Barcellona nel 2013, mentre l'ultimo oro quello sul fiume Kazanka di Simone Ruffini, che precedette il compagno oggi in gara Matteo Furlan terzo. A Gwangju l'ultimo metallo con Andrea Occhipini che conquistò un bronzo misto di eroismo e stoicità dopo che a Yeosu passò un uragano dalle piogge torrenziali

Mondiali di nuoto di Budapest, Verani dopo il trionfo: "È un sogno"

"Da inizio anno avevo in mente di preparare al meglio gara e oggi è andata come questo programmato. È un sogno, sono al settimo cielo. Mi sono superato, alla vigilia in pochi ci credevano e pensavano ce la potessi fare. Ma ci abbiamo creduto e abbiamo avuto ragione, dedico la medaglia alla mia famiglia e al centro sportivo dell'Esercito"Così Dario Verani commenta ai microfoni di RaiSport la vittoria della medaglia d'oro nella 25km ai Mondiali di nuoto di fondo. "La stagione era partita male, ma nonostante questo ho continuato ad allenarmi e ora c'è sofferenza e perchè è una gara che ci prova sia fisicamente che mentalmente. I risultati tardavano ad arrivare e ora dentro di me ho un senso di leggerezza. È come una liberazione, mi sento cento volte più leggero".

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...