Running

Successo per la Mezza Maratona L’Aquila Città del Mondo
0

Successo per la Mezza Maratona L’Aquila Città del Mondo

Presenti 1.500 i podisti arrivati da tutta Italia (l'80% da fuori regione) per una gara che ha offerto scorci e scenari spettacolari, dalle bellezze monumentali del centro cittadino

domenica 27 ottobre 2019

Un colpo d'occhio mozzafiato: centinaia di magliette arancioni hanno abbracciato il cuore della città in quella che è stata una giornata di festa per tutti. La prima edizione della "Mezza maratona dell'Aquila - Città del mondo" organizzata da Atleticom Asd è stato un successo, per i numeri e per le prestazioni degli atleti su un percorso (21,097 km) niente affatto scontato: 1.500 i podisti  sono arrivati da tutta Italia (l'80% da fuori regione) per una gara che ha offerto scorci e scenari spettacolari, dalle bellezze monumentali del centro cittadino ai borghi colpiti dal sisma, Onna ad esempio, in gran parte ancora distrutta e in zona rossa. E poi il Gran Sasso da un lato e la Majella dall'altro. Una corsa che ha permesso di mettere insieme tanti differenti messaggi: la ricostruzione che avanza, lo sport e la sana competizione, la rinascita nel decennale del sisma.

SODDISFAZIONE - «L'Aquila tocca ancora il cuore di tutti, anche a tanta distanza dal terremoto che ha disgregato il suo tessuto sociale, la sua anima prima ancora delle sue mura - le parole di Camillo Franchi Scarselli, presidente del comitato organizzatore e di Atleticom Asd -. Passando attraverso lo sport, l'Italia dimostra ancora affetto verso la città ferita e ora rinata. Una città che ha qualcosa di magico e da scoprire, anche attraverso una magnifica corsa tra le sue bellezze restaurate. La grande risposta per la corsa di oggi ha portato anche all'overbooking delle strutture ricettive e dei ristoranti, segno di una ricaduta anche sull'indotto economico locale che ci fa ancora più piacere. Una risposta che ci spinge a rimetterci subito a lavorare con entusiasmo alle prossime edizioni della 'Mezza maratona dell'Aquila - Città del mondo', manifestazione resa possibile non solo grazie allo sforzo di Atleticom, ma anche del Comune dell'Aquila che ha scelto il nostro progetto tra quelli da finanziare, in parte, con i fondi del Programma Restart che il Governo italiano ha messo in campo per la rinascita post-sisma». Grande soddisfazione manifestata anche da parte del sindaco Pierluigi Biondi: «È stata una bellissima giornata, sia dal punto di vista sportivo che da quello dell’accoglienza. Una manifestazione ben organizzata che ci ha consentito di mostrare ai tanti atleti venuti da ogni parte d’Italia quanto sta crescendo L’Aquila».

TRAGUARDO - A tagliare il traguardo, dopo la salita di 1.500 metri e una pendenza media del 7% per primo è stato Hajjaj El Jebli dell’Asd International Security con il tempo 1:12, seguito da Giorgio Bizzarri della Ss Lazio atletica leggera che ha fermato il cronometro a 1:16; terza piazza con 1:17 per Anthony Scarinci della Us Aterno Pescara.  Emozionante l’arrivo anche della gara femminile, con Paola Salvatori della Us Roma 83 a tagliare per prima il traguardo con il tempo 1:21. Undici minuti più tardi l’arrivo di Paola Di Tillo, del gruppo sportivo Virtus, con 1:32, al terzo posto l’atleta dell’Asd Runners Chieti Sara Di Prinzio a chiudere la gara con 1:36.

TRA I PROTAGONISTI - Tra i protagonisti di giornata l'atleta azzurro di Paratriathlon Gianni Sasso e le campionesse aquilane di pattinaggio a rotelle Alessandra Susmeli e Federica Di Natale. «La disabilità, a volte, è soltanto un limite mentale», ha detto il plurirecordman azzurro di Paratriathlon, poco prima di partire al fianco di Luana Pezzuto in quella che è stata una prova di allenamento in vista della maratona di New York.  Presenti sul palco per le premiazioni Michele Maffei, leggenda della scherma italiana e ora presidente dell'associazione "Medaglie d’oro”, e Roberto Petroni, altro olimpionico di pentathlon moderno.

PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA - A misurarsi in gara i runner del IX reggimento Alpini dell'Aquila, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, del comando militare Esercito Abruzzo, del vasto mondo della protezione civile (la Croce rossa dell'Aquila e la protezione civile di Monte Odorisio) e rappresentanti delle istituzioni locali e della giunta comunale. Particolarmente gradita è stata la presenza dei consiglieri delle ambasciate di Russia e Francia (tra i paesi più legati all'Aquila nella sua storia post-sisma) che hanno scelto la corsa di 5 km attraverso il centro storico ristrutturato e splendente: piazza Duomo e la chiesa delle Anime Sante restaurata dal Governo francese (davanti alla quale gli atleti si sono fermati, nella camminata della pre-gara, per un momento di silenzio e di raccoglimento in ricordo delle vittime del terremoto), la basilica di Collemaggio, il corso, il castello cinquecentesco, il complesso monumentale di San Domenico, palazzo Camponeschi e poi di nuovo la villa comunale.

GLI ARBITRI AIA - Ai nastri di partenza anche gli arbitri dell'Aia, che hanno scelto L’Aquila come prova unica sulla distanza dei 21 km della RefereeRUN, il campionato di corsa su strada per arbitri di calcio. Tra i presenti Federico Dionisi (aquilano tra l'altro) e Valerio Marini, della Can B ma entrambi hanno già esordito in serie A, e Gianpaolo Calvarese, di origini teramane che non ha voluto mancare all'appuntamento: «Un ritorno a casa che fa sempre piacere», le parole dell’arbitro alla fine della giornata.
 

Caricamento...

La Prima Pagina