Running

63° Campaccio Cross Country: tradizione, futuro e campioni

0

Crippa, Battocletti e altri azzurri nella sfida tra Kenya, Etiopia ed Uganda alla 63^ edizione del Campaccio Cross Country. Al via il vicecampione mondiale dei 3000 siepi e al femminile l’argento iridato dei 5000 metri di Doha. E’ sfida tra il primatista stagionale 5000m e il recordman mondiale 5k su strada.

 

 

63° Campaccio Cross Country: tradizione, futuro e campioni
 Cesare Monetti venerdì 13 dicembre 2019

(San Giorgio Su Legnano) – Il Campaccio Cross Country è una gara che guarda al futuro, traspira internazionalità, ma è fatta anche di tradizioni e attenzioni al territorio che da sempre la custodisce ed alimenta. Ed è per questo che Unione Sportiva Sangiorgese ha presentato come spesso accaduto il 63° Campaccio Cross Country questa mattina presso il Comune di San Giorgio su Legnano, poche centinaia di metri di distanza dallo stadio Angelo Alberti, laddove tutto accadde e tutto accadrà. Campaccio Cross Country che si conferma tra le stelle mondiali della corsa campestre, sarà la quarta tappa del  World Athletics Cross Country Permit, il circuito della federazione mondiale di atletica.

Presentazione che ha vissuto momenti importanti ed emozionanti, che riguardano il presente ed il futuro di questo storico evento. Il presente è stato annunciato con commozione da Claudio Pastori, Presidente Us Sangiorgese, che ha voluto donare una targa al mitico Fiorino Mezzenzana, consigliere Us Sangiorgese. Presente anche al suo fianco il Vicepresidente Livio Mereghetti, l’unico ad aver vissuto e visto tutte le edizioni del Campaccio fin dalle sue origini del 1957.

Presente anche l’attivissimo Sindaco di San Giorgio Su Legnano Walter Cecchin che in questi anni si sta impegnando fortemente affinché la tradizione del Campaccio venga tramandato alle nuove generazioni del territorio. Per questo alla conferenza erano presenti centinaia di ragazze e ragazzi degli Istituti scolastici del Comune di San Giorgio che hanno presentato dei lavori didattici che parlavano del Campaccio e della sua storia. Da Walter Cecchin è arrivata anche in diretta la bella notizia dell’elezione a Presidente della Corte Costituzionale della 56enne Marta Cartabia, nata San Giorgio Su Legnano, prima donna della storia. “Il 29 gennaio scorso il Comune ha conferito la benemerenza civica a Fiorino Mezzenzana, che di corsa, di ragazzi e di Campaccio ne ha fatto una ragione di vita. Dietro questo riconoscimento c’è tanta stima e gratitudine” le parole del sindaco Cecchin.

Nelle parole anche di Tito Tiberti, da qualche anno coordinatore organizzativo, la sintesi: “Ho imparato qui a San Giorgio su Legnano il valore di una comunità, con le scuole, con questi ragazzi, stiamo tramando la tradizione affinché amino questa gara per portarla sempre in cima al mondo come è sempre stata. Noi organizzatori stiamo facendo di tutto per rendere i giovani protagonisti del Campaccio. Da quest’anno infatti abbiamo ampliato la possibilità di partecipazione inserendo anche la categoria dei più piccoli, gli ‘Esordienti’ che mancava”.

ATLETI - Quasi un anno fa, a gennaio 2019, abbiamo vissuto momenti emozionanti con il trionfo di Hagos Gebrhiwet in 29’18” davanti a Selemon Barega ed un calorosissimo tifo per l’azzurro Yeman Crippa (Fiamme Oro) mentre al femminile applaudimmo la tre volte campionessa europea di cross Yasemin Can che pochi giorni fa in Portogallo ha vinto il quarto titolo europeo della carriera.

Tra le tradizioni vi è anche la presentazione del parterre di presenze illustri che renderanno storica un’altra edizione da parte del coordinatore atleti élite Marcello Magnani: “Non è stato un lavoro facile quest’anno allestire una competizione di livello internazionale, il Campaccio è tra i primi tre cross al mondo e lì deve rimanere. Purtroppo stiamo vivendo una fase dove tanti atleti di alto livello preferiscono continuare a fare le corse su strada dall’altra parte del mondo ed evitare i cross. Un po’ mi spiace perché amo i cross e amo il Campaccio, Comunque penso che alla fine gli atleti che vedremo il 6 gennaio daranno uno spettacolo non da poco, sono comunque tra i più forti in circolazione e le trattativa con altri atleti sono aperte, nelle prossime settimane potremo avere novità importanti”.

E’ l’anno dei millennials, diversi protagonisti infatti sono giovanissimi nati nel 2000, 2001 e addirittura 2002: il Campaccio è tappa fondamentale per un atleta di alto livello.

UOMINI - Tanti i medagliati e tanti i recordmen presenti, dall’Etiopia arrivano in quattro, ma fare un poker assoluto vista la concorrenza non sarà facile. Parliamo di Lemecha Girma (2000) medaglia d’argento nei 3000 siepi ai mondiali di Doha di pochi mesi fa, poi Mogos Tuemay che ha un personal best di 27’23”49 fatto a Hengelo a Luglio 2019. Terzo etiope sarà Haile Telahun Bekele niente meno che il primatista mondiale stagionale dei 5000m: suo il 12’52”98” fatto al Golden Gala di Roma a giugno 2019, quarto ai mondiali di Doha nei 5000m e primo nello storico Giro Al Sas in ottobre pochi giorni dopo la finale iridata. Quarto incomodo il giovanissimo (20 gennaio 2002) Tadese Worku medaglia d’argento ai mondiali di cross under 20 in marzo e primo nel prestigioso Giro di Castelbuono questa estate in Sicilia.

Bandiera del Kenya affidata a Robert Keter che con 13’22” fatto nel percorso certificato di Lille a novembre 2019 è il nuovo primatista mondiale dei 5km su strada. Sarà dunque sfida aperta con Bekele, visti i risultati brillanti di entrambi sui 5000m.

C’è anche l’Italia, ovviamente. Speranze, sogni, applausi e tanto tifo saranno tutti per Yeman Crippa che ha vissuto in questo 2019 una stagione straordinaria, suggellata con la medaglia di bronzo agli Europei di Cross, dimostrando tanta solidità e classe. 8° nei 10000m ai mondiali di Doha ha fissato anche uno storico primato italiano sulla distanza con 27’10”76 battendo il mitico Salvatore Antibo. Azzurri ancora con Yohannes Chiappinelli, 5° nella categoria under 23 agli Eurocross di domenica scorsa e bronzo nei 3000 siepi agli Europei di Berlino 2018. Completano lo schieramento azzurro di primo livello Cesare Maestri, argento mondiale 2019 di corsa in montagna, Francesco Puppi, campione del mondo della corsa in montagna nel 2017 e argento ‘lunghe distanze’ il mese scorso sempre ai mondiali disputatisi in Argentina. Nella lotta anche il valdostano Xavier Chevrier, oro europeo sempre di corsa in montagna nel 2017.

DONNE – Gara femminile con Etiopia, Kenya e tanta bella Italia. La stella è senz’altro la keniana Margaret Chelimo Kipkemboi vicecampionessa mondiale nei 5000m a Doha con un spettacolare 14’27”49”, non avrà vita facile perché la connazionale Eva Cherono è stata 8^ ai mondiali di cross 2019 e ha corso i 5000m in 14’40”25 in pista a Londra lo scorso giugno. Terza keniana al via Gloriah Kite che vanta nientemeno che 8’29”91 sui 3000m e 14’49”22 sempre sui 5000 metri. Non sarà un affare a tre di stampo keniota, le ragazze etiopi venderanno cara la pelle: in primis Fotyen Hailu Tesfay 11^ ai mondiali di cross 2019 e 8’47”46 sui 3000m, mentre Elemitu Tariku è la vicecampionessa mondiale di cross categoria under 20.

Proprio la Tariku potrebbe essere la donna da puntare e da provare a battere per la nostra Nadia Battocletti che si è appena laureata per la seconda volta consecutiva campionessa europea di cross under 20 e quest’anno ha vinto anche l’argento europeo junior nei 5000m. Nadia, figlia d’arte e grande promessa azzurra, l’anno scorso concluse in 20’51” in sesta posizione assoluta, una gran gara per la prima volta ‘tra le grandi’.

Amatissima e seguitissima sarà anche Sara Dossena, l’anno scorso la prima italiana al traguardo, 5^ assoluta, in 21’30” davanti proprio a Battocletti e dietro alle africane. Sara non ha bisogno di grandi presentazioni se non per ribadire il suo trascorso da triatleta e il 6° posto agli Europei 2018 in maratona e un primato personale sempre sui 42km di 2h24’00” e sui 10k di 32’17”.

Italia ancora con Martina Merlo, Ludovica Cavalli, Giulia Viola (8^ in 21’01” nel 2019) e Angela Mattevi, fresca campionessa mondiale di corsa in montagna under 20 e protagonista nei cross anche agli Europei.

Iscrizioni aperte per tutte le categorie come da istruzioni sul sito www.campaccio.it

ISCRIZIONI INTERNAZIONALE - (Allieve/i, Juniores, Promesse, Seniores): quota di iscrizione pari a € 3,00 ed € 5,00 per fuori regione.

US Sangiorgese si riserva il diritto di suggerire ad atleti Seniores Maschili (23-34 anni) con accrediti superiori a 38’00” sui 10’000m/10km o con prestazioni di valore comparabile di disputare la competizione regionale in programma sui km 6 alle ore 9.15 del 6 gennaio 2020.

Le ISCRIZIONI per tutte le categorie dovranno pervenire alla società organizzatrice entro e non oltre il giorno 04 gennaio 2020 tramite le seguenti modalità:

E-mail: inviando all’indirizzo campaccio@tds-live.com un’e-mail indicando: nome, cognome, società numero tessera Fidal, anno di nascita e codice società.

PROGRAMMA ORARIO

Ore 09:15 partenza gara Master SM 35-40 + SENIORES MASCHILI (23-34 ANNI*) + RUNCARD di pari età (20-44)

Ore 10:00 partenza gara Master SM 45-50 + RUNCARD di pari età (45-54)

Ore 10:35  partenza gara Master SF e Master SM 55 ed oltre + RUNCARD F e di pari età M (+55)

Ore 11.20 partenza gara Ragazze

A seguire:

partenza gara Ragazzi

partenza gara Cadette

partenza gara Cadetti

partenza Esordienti F

partenza Esordienti M

Esordienti M/F, ragazzi/e e cadetti/e gareggeranno per categoria e non per anno di nascita.

L’orario della manifestazione sarà il seguente (passibile di modifica per esigenze televisive):

Ore 12:45 partenza gara Allieve

Ore 13:15 partenza gara Allievi (Memorial Sergio Meraviglia)

Ore 13:40 partenza gara Juniores, Promesse e Seniores Femminile

Ore 14:13 partenza gara Promesse e Seniores Maschile

Ore 15:10 partenza gara Juniores Maschile

Campaccio Cross Country Sara Dossena Nadia Battocletti

Caricamento...

La Prima Pagina