Uomini, donne e corsa. Tutte le differenze

In media, gli uomini sono più potenti, ma le donne corrono in modo più regolare e si allenano in modo più sensato.

© Costanza Zanardini

Anche se negli ultimi decenni le prestazioni femminili si sono avvicinate a quelle maschili, è molto improbabile che un giorno le donne possano eguagliare gli uomini in termini di potenza e velocità. Si tratta di un divario fisiologico, dovuto ad una serie di caratteristiche:

Massimo consumo di ossigeno - Il cuore degli uomini può pompare un volume maggiore di sangue ad ogni battito cardiaco. Ne deriva che vi è un maggiore assorbimento di ossigeno.

Emoglobina - I valori di emoglobina, molecola contenuta nei globuli rossi e responsabile del trasporto dell'ossigeno ai muscoli, degli uomini sono superiori a quelli delle donne.

Percentuale di grasso corporeo - Le donne hanno circa il 10% in più di grasso rispetto agli uomini, un peso ulteriore che fa da zavorra.

Percentuale muscolare - Le donne hanno una percentuale di muscoli inferiore rispetto agli uomini. Questo rende le donne meno forti, ma anche più elastiche degli uomini.

Cuore e polmoni - Il cuore e i polmoni sono generalmente più piccoli nelle donne. Tuttavia, il sistema cardiovascolare deve anche fornire meno ossigeno alla massa muscolare. A causa del volume più piccolo, il cuore deve battere più velocemente, motivo per cui la frequenza è solitamente più alta nelle donne.

Più lente ma più regolari - Per questi motivi, le donne corrono in media più lentamente. Rispetto agli uomini, le donne che corrono tendono ad avere meno probabilità di sopravvalutarsi e gestiscono in maniera più realistica i ritmi di gara, oltre a correre in modo più regolare e, mediamente, raggiungere più facilmente un obiettivo di tempo prescelto.

Benessere - Inoltre, le donne corrono anche per altri motivi, come il desiderio di rimanere in forma e di migliorare la propria salute per cui tendono ad abbinare anche altre attività, come lo yoga, per raggiungere uno stato di benessere.

Commenti