Maratona di Berlino: niente Bekele e sorrisi per la sorprendente Gotytom Gebreslase

Da sempre Berlin Marathon è la maratona più veloce del pianeta. Quest'anno gara offuscata dal caldo e dall'umidità, Kenenisa Bekele il favorito non vince, ma al via si sono presentati in oltre 24mila, la Pandemia da Covid19 non fa più paura allo sport

Maratona di Berlino: niente Bekele e sorrisi per la sorprendente Gotytom Gebreslase

Nessun dubbio su chi si è aggiudicato il massimo dei voti nella BMW Berlin-Marathon domenica da quando gli etiopi hanno vinto il titolo maschile e femminile. È stato, tuttavia, un giorno di delusione per Kenenisa Bekele per i suoi standard superlativi. Guye Adola ha vinto l’oro maschile, correndo 2:05:45 per finire davanti al keniano Bethwel Yegon, quest'ultimo con 2:06:14 sul traguardo posizionato vicino alla Porta di Brandeburgo.

Per quanto riguarda Kenenisa Bekele, le sue speranze di sfidare il record del mondo, stabilito su questo stesso percorso dal suo rivale keniano Eliud Kipchoge nel 2018 con 2:01:39, sono svanite ben presto a causa delle condizioni molto calde e umide. Il tre volte campione olimpico etiope è arrivato terzo in 2:06:47.

Con temperature superiori ai 20 gradi durante le ultime fasi della gara, ogni speranza di tempi record è svanita. In campo femminile, Gotytom Gebreslase ha corso una superba maratona al debutto sulla distanza, la 26enne etiope ha sorpreso i favoriti e ha ottenuto il terzo miglior tempo dell'anno con 2:20:09. La sua connazionale Hiwot Gebrekidan è arrivata seconda in 2:21:23 e Helen Tola ha completato un podio etiope con 2:23:05.  

La 47a edizione della BMW BERLIN-MARATHON, che fa parte della Abbott World Marathon Majors Series, si è svolta nel rispetto di rigide norme igieniche, e ha visto al via 24.796 corridori provenienti da 139 nazioni: la gara è stata la più grande maratona del mondo dall'inizio della pandemia da Covid19.

“Dopo mesi di privazioni e distanziamento sociale, SCC Events ha stabilito una pietra miliare decisiva con la BMW BERLIN-MARATHON. Alla maratona più grande del mondo dall'inizio della pandemia di Coronavirus, le persone stanno iniziando a trovare un nuovo senso di fiducia attraverso lo sport e stanno iniziando a sentirsi di nuovo al sicuro. I valori fondamentali dell'apertura al mondo, della tolleranza e dell'accettazione, che abbiamo difeso per molti anni, possono finalmente essere rivisti. Sulla via del ritorno alla normalità, la società ha proprio bisogno di queste emozioni", ha affermato Jürgen Lock, direttore generale dell'organizzatore SCC Events.

 

Gara Maschile - Il gruppo di testa con i pacemaker ha dettare il ritmo ha attraversato la prima metà della gara a un ritmo da record mondiale. Non è stata una sorpresa vedere tra loro Kenenisa Bekele e Guye Adola, quest'ultimo arrivato secondo a Berlino quattro anni fa dove stabilì quello che allora era un record mondiale non ufficiale per un debutto in maratona di 2:03:36, ma i loro quattro compagni hanno nomi meno famosi: il duo keniano di Philemon Kacheran e Abraham Kipyatich e gli etiopi Tesfaye Lencho e Olika Adugna. Il gruppo ha percorso i primi 10 km in 28:47, un ritmo che indicava un tempo record mondiale di poco meno di 2:01:30.

Olika Adugna è stato il primo a perdere il ritmo davvero troppo veloce, ma la grande sorpresa è arrivata quando Kenenisa Bekele è stato il secondo a non reggere tale velocità. Il campione del 2019 ha perso il contatto con il gruppo di testa tra il 17 e il 18esimo chilometro mentre si è passati alla mezza maratona in 60:48 con Bekele transitato 12” dopo, a 61:00, un crono comunque ancora molto veloce.

Le sue possibilità di vittoria sembravano rivivere verso al 27esimo chilometro, il tre volte campione olimpico è tornato davanti dopo che il gruppo aveva rallentato drasticamente. Ormai era tempo solo di guardare e puntare alla vittoria, la possibilità di record del mondo era svanito per sempre.

Al 35km Guye Adola stacca Bekele e sembrava avere la vittoria definitivamente in pugno, ma la maratona è una brutta bestia anche per dei professionisti. Dalle retrovie si è rifatto sotto Bethwel Yegon che si è appaiato fino al 40km quando Adola, secondo classificato dietro Eliud Kipchoge quando il grande keniano vinse quattro anni fa, ha trovato nuove energie e si è definitivamente sganciato per andare verso la più grande vittoria della sua carriera fino ad oggi. “Credevo di avere una possibilità di battere Kenenisa in questa maratona. Faceva molto caldo e mi bruciavano i piedi nelle scarpe", ha detto Guye Adola.

Kenenisa Bekele si è invece così giustificato: “Il grosso problema era la mancanza di forma a causa della pandemia, ho perso alcune sessioni di allenamento, ma la mia carriera non è sicuramente finita".

Gara femminile - Per gran parte della gara il gruppo di testa femminile ha avuto un ritmo inferiore al crono finale di 2:19. Un gruppo di quattro ragazze ha raggiunto metà gara in un promettente 69:19. La leader mondiale Hiwot Gebrekidan, che ha corso 2:19:35 in primavera, Helen Tola, la debuttante Gotytom Gebreslase e la keniana Fancy Chemutai hanno formato il primo gruppo dietro i pacemaker in questa fase.

A circa 10 km dalla fine è stata Gotytom Gebreslase ad aumentare il ritmo scappando via della favorita Hiwot Gebrekidan. Stava ancora andando molto veloce al 35esimo km, con un tempo intermedio di 1:54:54 che indicava uno strepitoso tempo finale di 2:18:30. Tuttavia anche qui negli ultimi chilometri le temperature calde hanno avuto il sopravvento. Gotytom Gebreslase non è stata in grado di tenere il ritmo e alla fine ha perso un tempo inferiore alle 2:20 per soli dieci secondi. “Anche se era la mia prima maratona, il mio obiettivo era vincere la gara. Berlino ha un ottimo percorso e mi piacerebbe tornare per questa gara", ha detto Gotytom Gebreslase.

Risultati, Uomini:

  1. Guye Adola ETH 2:05:45
  2. Bethwel Yegon KEN 2:06:14
  3. Kenensia Bekele ETH 2:06:47
  4. Tadu Abate ETH 2:08:24
  5. Cosma Muteti KEN 2:08:45
  6. Filemone Kacheran KEN 2:09:29
  7. Okbay Tsegay ERI 2:10:37
  8. Benard Kimeli KEN 2:10:50
  9. Hidekazu Hijikata JPN 2:11:47
  10. Osea Kipkemboi KEN 2:12:25

 

Donne:

  1. Gotytom Gebreslase ETH 2:20:09
  2. Hiwot Gebrekidan ETH 2:21:23
  3. Helen Tola ETH 2:23:05
  4. Edith Chelimo KEN 2:24:33
  5. Shure Demise ETH 2:24:43
  6. Fancy Chemutai KEN 2:24:58
  7. Izabela Paszkiewicz POL 2:27:41
  8. Ruth Chebitok KEN 2:28:18
  9. Rabea Schöneborn GER 2:28:49
  10. Martina Strahl SUI 2:30:37

Super Offerta sull'Edizione Digitale

Ripartono le coppe europee

Abbonati all'edizione digitale con un maxi-sconto del 56%!

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...