AstraZeneca, Crisanti: "Vaccino sicuro. Trombosi? Aereo è più pericoloso"

Continua a far discutere la cura per il Covid-19 creata dal colosso anglo-svedese. Leggi tutte le ultime novità

AstraZeneca, Crisanti: "Vaccino sicuro. Trombosi? Aereo è più pericoloso"© ANSA

Il virologo Andrea Crisanti è tornato a difendere AstraZeneca. Il vaccino è di nuovo al centro delle polemiche e di ulteriori indagini dopo che è stato rilevato un nesso tra AstraZeneca e trombosi. "Il vaccino AstraZeneca è tra i più sicuri al mondo", ha assicurato l'esperto a Sky Tg24. "35 milioni di persone sono state immunizzate. Abbiamo una sessantina di casi di reazione avversa di cui forse dieci con decessi", ha aggiunto. "Il rischio di un evento trombotico per chi ne soffre è 100 volte superiore se si prende un aereo che se si fa il vaccino. Ma lo dicono tutti non l'ho inventato io: 2 persone su 10 mila, a rischio trombofilia, possono avere eventi avversi quando prendono un aereo, che è circa 100 volte superiore se fanno il vaccino", ha spiegato il direttore del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell'Azienda ospedaliera di Padova e docente di Microbiologia dell'ateneo cittadino.

AstraZeneca, Crisanti boccia la campagna vaccinale in Italia

Crisanti ha poi fatto una considerazione personale sulla campagna vaccinale in Italia: "Il fatto che siano state privilegiate categorie che non erano vulnerabili e che non erano tra le fasce di anziani ha portato a questa elevata mortalità che vediamo noi adesso. Queste morti sono il risultato di vaccinazioni non fatte un mese fa. Se invece di fare avvocati e amici fossero state vaccinate le persone giuste avremmo avuto meno decessi oggi. Questo pone in evidenza il fatto che la strategia centrale non deve essere lasciata alle singole regioni che decidono chi vaccinare o meno".

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti

Loading...