Russia: "I referendum per annessione del Donbass vanno fatti"

"Sono di grande importanza per il ripristino della giustizia storica", ha detto il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitri Medvedev
Russia: "I referendum per annessione del Donbass vanno fatti"© EPA

"I referendum nel Donbass sono di grande importanza non solo per la protezione sistemica dei residenti della Repubblica del Lugansk e del Donetsk e di altri territori liberati, ma anche per il ripristino della giustizia storica". Così ha scritto su Telegram il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev. "L'invasione del territorio della Russia è un crimine che consente l'uso di tutte le forze di autodifesa", ha aggiunto spiegando che per questo i referendum "sono così temuti a Kiev e in Occidente e devono essere tenuti".

"Invasione della Russia consente uso di ogni difesa"

Per l'ex presidente russo, i referendum "cambiano completamente il vettore dello sviluppo della Russia per decenni. E non solo nel nostro Paese. Perché dopo la loro realizzazione e l'ammissione dei nuovi territori alla Russia, la trasformazione geopolitica del mondo sarà irreversibile". "L'invasione del territorio della Russia - ha affermato Medvedev - è un crimine che consente l'uso di tutte le forze di autodifesa. Ma non è meno importante che, dopo la modifica della Costituzione del nostro Stato, nessun futuro leader della Russia, nessun funzionario potrà annullare queste decisioni".

Abbonati a TuttoSport

Scegli fra le nostre proposte Plus e Full e leggi su tutti i dispositivi con un unico abbonamento.

Ora in offerta.

A partire da 2,99

0,99 /mese

Abbonati ora

Commenti

Loading...