Coronavirus, i dati aggiornati: 52 morti e 1.835 contagiati in Italia

Il bollettino ufficiale della protezione civile dà il quadro della situazione: la Lombardia è la regione più colpita, primo decesso nelle Marche

Coronavirus, i dati aggiornati: 52 morti e 1.835 contagiati in Italia

TORINO - Non si arresta l'epidemia di coronavirus nel nostro Paese, anche se di pari passo aumentano i guariti. Gli ammalati sono 1.835, secondo l'ultimo bollettino fornito dal capo della Protezione civile, Angelo Borrelli. "L'incremento - ha spiegato - è di 258 persone" rispetto alla giornata di domenica. Un incremento che risulta "per il 50% asintomatico, il 40% ricoverato con sintomi e il 10% ricoverato in terapia intensiva", ha aggiunto Borrelli, che ha poi aggiunto che sono 149 i guariti, 66 soltanto oggi. Sono invece 18 le nuove vittime, 15 in Lombardia e 3 in Emilia-Romagna, che portano il totale delle persone decedute a 52. Borrelli ha poi sottolineato che solo il 9% dei ricoverati per Covid-19 è in terapia intensiva, e che al momento "non ci sono criticità nei posti di terapia intensiva". Mentre il numero dei tamponi effettuato è "oltre 23.300, e il numero di casi positivi confermati dall'Istituto superiore di Sanità è 668".

Lombardia regione più colpita dal Coronavirus

Le aree più a rischio restano quelle del Nord, e "le regioni che vedono il maggior numero di persone positive sono Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. Sono 1.077 le persone positive in Lombardia, in Emilia Romagna 324 e in Veneto 271". Crescono anche i contagi in Piemonte, che sono 53: la Regione sta individuando due ospedali che saranno dedicati completamente a curare i pazienti affetti da Covid-19, mentre ha deciso in serata di mantenere ancora le scuole chiuse fino a domenica 8 marzo. Le Marche registrano la loro prima vittima, un uomo di 88 anni con patologie pregresse, deceduto all'ospedale Santa Croce di Fano. Era stato ricoverato il 24 febbraio con febbre alta e difficoltà respiratorie ed era risultato positivo al tampone. Ed è stato registrato il primo caso in Sardegna: un uomo ricoverato a Cagliari è risultato positivo, in attesa della verifica dell'Istituto superiore di sanità. Salgono a 12 invece i casi a Roma. "Siccome il tempo di incubazione è di 5-6 giorni in media, e il tempo di incubazione massimo arriva a 12-13 giorni, per vedere degli effetti delle misure di prevenzione e controllo, queste misure anche draconiane applicate in alcune zone, che probabilmente andranno anche estese, è necessario attendere almeno una o due settimane", ha intanto sottolineato Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento di Malattie infettive dell'Istituto superiore di sanità.

Ciclismo, come allenarsi in quarantena
Guarda il video
Ciclismo, come allenarsi in quarantena

Abbonati a Tuttosport

L'edizione digitale del giornale, sempre con te

Ovunque ti trovi, tutte le informazioni su: partite, storie, approfondimenti, interviste, commenti, rubriche, classifiche, tabellini, formazioni, anteprime.

Sempre con te, come vuoi

Edizione digitale
Edizione digitale

Commenti